Banda ultralarga, via alla nuova mappatura dell’Italia. Per le telco deadline a giugno - CorCom

LA NUOVA CONSULTAZIONE

Banda ultralarga, via alla nuova mappatura dell’Italia. Per le telco deadline a giugno

Verificare il mantenimento degli impegni assunti dagli operatori e individuare gli interventi pianificati di qui ai prossimi 5 anni. Il punto della situazione a Telco per l’Italia con l’Ad di Infratel Marco Bellezza

04 Mag 2021

Mila Fiordalisi

Direttore

Verificare il mantenimento degli impegni di copertura assunti dagli operatori; capire quali nuovi interventi sono stati attuati e pianificati a partire da quest’anno per i prossimi cinque anni; consentire una mappatura particolareggiata delle reti fisse Nga (Next Generation Access) e Vhcn (Very High Capacity Network). Questi i tre obiettivi del nuovo piano di mappatura delle reti italiane: sul sito di Infratel e sulla piattaforma Bul è stato pubblicato l’avviso, con lettera agli operatori, dell’avvio della consultazione e le telco avranno tempo fino al 15 giugno 2021 per presentare i propri piani.

In dettaglio, si legge sul sito di Infratel, “i piani dichiarati dovranno essere chiaramente riferibili a decisioni strategiche ed esecutive, completamente finanziate e adottate dai competenti organi di indirizzo e gestione degli operatori, indicando sia le coperture di rete attuali alla data del 30 aprile 2021, sia quelle previste per i prossimi cinque anni”. Le telco dovranno presentare un piano dettagliato degli investimenti,” che includa per ogni fase di attuazione le date di inizio e completamento e gli elementi che ne evidenzino la concreta attuabilità, suddiviso negli anni per macrocategorie e relativi finanziamenti, approvati dagli organi competenti” e indicare “architettura e struttura della rete sul territorio (numero siti, dislocazione territoriale, tipologia link di backhaul, apparati di trasporto, Pop e relativo posizionamento), apparati e tecnologie previste” nonché “dimensionamento dei siti radio (con evidenza dei metodi e parametri utilizzati per le simulazioni radioelettriche) in termini di numero medio di utenti per sito e per antenna, coerente con quanto fornito nei questionari compilati per civico e dimensionamento della banda, della rete dati e di trasporto”.

L’aggiornamento della mappatura riguarda tutte le aree del Paese – salvo quelle già oggetto di intervento pubblico – e sulla base degli esiti della mappatura 2021 potranno essere pianificati nuovi interventi pubblici.

L’Ad di Infratel Marco Bellezza a Telco per l’Italia

“Telco first”: la ricetta per la banda ultralarga

PER LA REGISTRAZIONE CLICCARE QUI

 

 I fondi pubblici e gli investimenti privati, il nuovo piano aree grigie, la spinta al fixed-wireless: la strada non è affatto in discesa, ma la sfida si può vincere. Co-investimento e partnership le chiavi di volta?

17.00 Mila Fiordalisi, Direttore CorCom

17:05 Andrea Rangone, Presidente Digital360

17.15 Franco Accordino, Head Unit Investment in High-Capacity Networks Commissione Ue

17.25 Antonello Giacomelli, Commissario Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

17.35 Marco Bellezza, Amministratore delegato Infratel

17.45 Cesare Avenia, Presidente Confindustria Digitale

17.55 Dibattito con i player di mercatoModera il direttore di CorCom Mila Fiordalisi

 Simone Bonannini, Direttore Marketing e Commerciale Open Fiber

Lisa Di Feliciantonio, External Relations & Sustainability Officer Fastweb

Giovanni Moglia, Chief Regulatory Affairs & Wholesale Market Officer Tim

Marco Olivieri, Regional Sales Director Cambium Networks

Andrea Rossini, Direttore Strategy, Business Transformation & Wholesale Vodafone Italia

Francesco Sortino, Chief Marketing Officer Linkem

Marco Vecchio, Segretario Gruppo System Integrator reti Tlc Federazione Anie

Alessandro Verrazzani, Responsabile Affari Regolamentari e Istituzionali Eolo

@RIPRODUZIONE RISERVATA