L'ANNUNCIO

Open Fiber punta alla quotazione. Pompei: “Ipo nel 2019”

L’Ad della controllata Enel e Cdp delinea la roadmap per l’approdo in Borsa al Ftse Mib: “Operazione già prevista negli accordi. Capitalizzazione e dimensioni della società sono tali da poter pensare al listino principale di Piazza Affari”

05 Set 2017

A.S.

E’ il 2019 l’anno che Tommaso Pompei immagina come deadline per l’approdo a Piazza affari di Open Fiber. L’ad della controllata di Enel e Cassa depositi e prestiti lo conferma in un’intervista all’agenzia Mf-Dowjones: “L’operazione – afferma – è già prevista a livello di accordi secondo cui, una volta raggiunto un certo grado di sviluppo e un determinato numero di clienti, Open Fiber è la classica società deputata ad andare sul mercato”.

L’approdo sul mercato azionario è previsto nell’Ftse-Mib, dal momento che “la capitalizzazione e le dimensioni di Open Fiber – spiega Pompei – sono tali da poter pensare a una quotazione sul principale listino di Piazza Affari”.

“Se c’è una matricola destinata alla quotazione – sottolinea l’Ad – quella è Open Fiber. Escludo che ciò avvenga nel 2018 ma credo che verso la fine del 2019 la società avrà le dimensioni tali per poter pensare alla Borsa”.

WEBINAR
Il 5G asse dei territori: così l’Italia colmerà il digital divide
Telco

Secondo i dati più recenti Open Fiber può contare finora, nelle aree A e B, su due milioni di case cablate, un milione delle quali ricevute “in lascito” da Metroweb, mentre l’altra metà è quella raggiunta con i lavori nelle città di Padova, Perugia e Napoli. A Firenze intanto si sta lavorando alla commercializzazione del servizio mentre a Roma si stanno definendo gli accordi con Acea per la cablatura della Capitale, sulla base del memorandum of understanding recentemente stipulato dalle due società. A questo si aggiunge il fatto che i lavori sono attualmente in corso in circa 20 città, alle quali se ne affiancheranno altre 80 prima che finisca settembre.

Quanto alle aree C e D, quelle a fallimento di mercato, per le quali la società guidata da Pompei si è aggiudicata i primi due bandi Infratel, “tra qualche settimana firmeremo la concessione per la seconda gara – precisa Pompei – e poi partirà lo sviluppo della rete. Ci eravamo già aggiudicati la prima gara che riguardava 3.043 Comuni. Complessivamente, sommando la prima e la seconda gara, per le aree C e D saremo vicini ai 7mila Comuni italiani cablati”.