IL CASO

Bollette a 28 giorni, non è finita: nuovo esposto all’Agcom

Il Codacons non ci sta e chiama in causa Tim e Wind Tre che non avrebbero sospeso gli aumenti tariffari. Question time alla Camera per fare chiarezza sulla vicenda

02 Ago 2018

Mila Fiordalisi

Direttore

Il caso delle bollette a 28 giorni non è chiuso. Nonostante gli interventi di Agcom e Antitrust  per rimettere ordine nelle tariffe e garantire l’informazione trasparente ai consumatori, non tutte le telco si sono adeguate alle nuove disposizioni. Di qui la decisione da parte del Codacons di scendere in campo e di presentare un esposto all’Authority delle Comunicazioni – di cui Corcom ha potuto prendere visione – in cui si chiede di intervenire affinché le telco rispettino le regole e nel caso si applichino le relative sanzioni per garantire il ripristino dell’ordine. Non solo: l’associazione dei consumatori – rifacendosi alla delibera 269/2018Cons di Agcom – chiede che sia rispettato il principio del “ristoro del consumatore” e che se metta fine una volta per tutto a una situazione evidentemente non ancora sanata.

Tim e Wind Tre i due operatori finiti nel mirino. “ Si ritiene opportuno rilevare che Tim, che aveva già inviato ai propri clienti un messaggio che annunciava un aumento tariffario dell’8,6%, anziché bloccare quella manovra e procedere a definirne una differente (come ordinato da Antitrust), ha recentemente iniziato a inviare ai propri clienti il seguente messaggio che annuncia una riduzione dello 0,4% dei prezzi”, si legge nell’esposto. E riguardo a Wind Tre l’associazione denuncia che la società “non ha ottemperato al provvedimento cautelare, avendo proseguito senza soluzione di continuità a far pagare ai consumatori un prezzo aumentato. Prima dell’8,6% poi dell’8,3%”.

WHITEPAPER
Wi-Fi o 5G per le imprese? Una guida spiega cosa (e come) scegliere
Personal Computing
Telco

L’esposto del Codacons fa il paio con le interrogazioni parlamentari presentate al ministro dello Sviluppo Luigi Di Maio dai deputati della Lega Capitanio e Maccanti, e di FdI, Fidanza e Rotelli. I deputati hanno chiesto al Governo se “intenda assumere iniziative normative per garantire la piena tutela dei consumatori, in particolare favorendo l’interruzione del comportamento di Tim e Wind Tre e il conseguente pieno ristoro dei consumatori”.

Ieri in un question time alla Camera in Commissione Trasporti e Tlc la risposta del Mise che nel ribadire la competenza dell’Agcom sulla questione ha ricordato che “l’Autorità ha avviato, in data 15 maggio 2018, i relativi procedimenti sanzionatori tuttora in fase istruttoria”. Ai sensi del “Regolamento di procedura in materia di sanzioni amministrative e impegni”, allegato alla delibera n. 410/14/CONS, il termine di conclusione dei procedimenti sanzionatori è fissato in 150 giorni (decorrenti dalla data di notifica dell’atto di contestazione) salvo sospensione o proroga per ulteriori approfondimenti istruttori, puntualizza il ministero.

@RIPRODUZIONE RISERVATA