LA VERTENZA

Call center Ita, Covisian pronta ad assumere 380 addetti. Muro dei sindacati

Slc, Fistel e Uilcom respingono al mittente la proposta: “Rimarrebbero fuori 150 persone, nessuna garanzia di continuità occupazionale”. Da sciogliere il nodo dei 60 lavoratori del servizio Millemiglia Alitalia

27 Set 2021

F. Me.

call-center-161021152207

Entra nel vivo la vertenza del call center Alitalia di Palermo. In occasione dell’incontro al Mise oggi, Covisian, la società che si è aggiudicata la gara subentrando ad Almaviva, si è detta disponibile – la proposta è stato delineata in collaborazione con Ita (la nuova Alitalia ndr) – ad assumere circa 380 addetti, su un totale di 570, entro aprile 2023.

Secondo i sindacati si tratta di un piano irricevibile perché non garantisce la piena continuità occupazionale.  “Oltre ad una tempistica considerata eccessivamente lunga questa proposta lascerebbe fuori oltre 150 lavoratori dal percorso di assorbimento”, si legge in una nota congiunta di Slc, Fistel e Uilcom che pongono l’accento anche sulle “condizioni contrattuali ancora tutte da discutere”.

Ci sono poi circa 60 lavoratori, collegati direttamente a Millemiglia Alitalia, che dunque non fanno parte delle gara Ita e pertanto potrebbero essere scomputati dal conteggio complessivo.

“La vertenza, come dimostrano i fatti accaduti oggi a Palermo, sta assumendo caratteri drammatici e  non è più rinviabile l’avvio di un percorso concreto e reale che dia certezza occupazionale e salariale  per tutte le 613 persone coinvolte – dicono i sindacati –  Tenuto conto della situazione prospettata, le Organizzazioni Sindacali avvieranno entro breve iniziative  di mobilitazione a tutela dell’intero settore dei call center in outsourcing messo in crisi da committenze  pubbliche che minano ad eludere Leggi dello Stato e norme contrattuali conquistate in anni di lotta e  sacrificio dei lavoratori”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3