GREEN ECONOMY

Cop27, Vodafone in pole position: il climate change diventa priorità

La telco main partner al fianco del governo egiziano per fornire servizi avanzati di Tlc nel corso della conferenza di Sharm-el-Sheikh. Focus sull’Internet of things al servizio dell’efficienza energetica

25 Ago 2022

L. O.

Vodafone_COP27

Sarà Vodafone il partner principale della Conferenza COP27 delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici ospitata a Sharm-el-Sheikh dal governo egiziano nel novembre 2022. Il gruppo lavorerà a fianco del governo egiziano per fornire servizi avanzati di Tlc che collegheranno la Conferenza e i suoi partecipanti.

Iot chiave anti-climate change

Nel corso dell’evento Vodafone mostrerà come i servizi digitali chiave, incluso l’Internet of Things, si legge in una nota, “possono consentire alla società di risparmiare energia, creare città più pulite e migliorare l’efficienza di settori come l’agricoltura e i trasporti”.

Inoltre, l’azienda dimostrerà come la tecnologia digitale può affrontare il cambiamento climatico, utilizzare l’energia in modo più efficiente, realizzare un’economia più circolare e aumentare la sicurezza alimentare.

Reti digitali al servizio dell’ambiente

“La Conferenza Cop27 delle Nazioni Unite – dice Nick Read, Ceo  del Gruppo Vodafone -: è un’opportunità fondamentale per accelerare la strategia in grado di affrontare l’emergenza climatica”. Secondo il Ceo il successo aziendale non deve avere un costo per l’ambiente “e la nostra partnership alla Cop27 mostrerà il ruolo svolto dalle nostre reti e servizi digitali nel consentire alla società di affrontare il cambiamento climatico e nel realizzare gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite“.

Il presidente designato della Cop27, Sameh Shoukry, ministro degli Affari esteri della Repubblica araba d’Egitto, sottolinea il ruolo svolto dalle imprese globali nella ricerca di un modello di business sostenibile e nel sostenere l’azione concordata per il clima. Inoltre plaude ai contributi già assunti da Vodafone in preparazione della conferenza.

L’impegno di Vodafone per il “Net zero”

Il Gruppo Vodafone si è impegnato ad azzerare le emissioni proprie di gas a effetto serra e le emissioni di gas a effetto serra da energia elettrica acquistata entro il 2030 e a raggiungere l’obiettivo di emissioni zero (Net zero) entro il 2040.

La rete europea Vodafone è alimentata da elettricità proveniente al 100% da fonti rinnovabili. In Italia questo obiettivo era stato già raggiunto a novembre 2020. Inoltre Vodafone Italia ha anticipato gli obiettivi di zero emissioni proprie di gas a effetto serra al 2025.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

N
Nick Read

Aziende

O
onu

Approfondimenti

C
climate change
N
net zero

Articolo 1 di 5