Dimissioni Dècina, Agcom prende atto e la palla passa alla Camera - CorCom

Dimissioni Dècina, Agcom prende atto e la palla passa alla Camera

All’odg dell’odierno Consiglio dell’Autorità le dimissioni del commissario. Le dimissioni verranno ora comunicate alla Presidenza della Camera, per l’avvio dell’iter di nomina del successore

12 Set 2013

Il Consiglio dell’Agcom prende atto “con grandissimo rammarico” delle dimissioni irrevocabili di Maurizio Dècina e passa la palla alla Presidenza della Camera per avviare l’iter che porterà alla nomina di un nuovo componente dell’Authority.

Nel dettaglio, si legge in una nota, “Il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni presieduto da Angelo M. Cardani, ha preso atto oggi con grandissimo rammarico delle dimissioni irrevocabili rassegnate per gravi motivi personali lo scorso 4 settembre dal professor Maurizio Dècina”.

Il Consiglio ha ribadito la propria “sincera solidarietà umana e la propria vicinanza al professor Décina, ringraziandolo per il riaffermato, forte sostegno alle deliberazioni assunte dal nuovo Consiglio dell’Agcom – continua la nota – in particolare per quanto riguarda le frequenze televisive, la definizione delle tariffe d’accesso per i servizi in rame e fibra, il regolamento in materia di diritto d’autore online. Tutte decisioni, alle quali il professor Décina ha dato un contributo fondamentale, mettendo a disposizione dell’Autorità la propria riconosciuta competenza e la sua profonda conoscenza del settore delle comunicazioni”.

“Il presidente, Cardani e i commissari dell’Autorità, Antonio Martusciello, Francesco Posteraro e Antonio Preto, oltre ad esprimere riconoscenza per il prezioso apporto tecnico-professionale fornito nell’attività svolta dal Consiglio – chiude la nota – hanno tenuto a evidenziare l’indipendenza di giudizio, lo spirito di servizio e il grande senso istituzionale che hanno sempre contraddistinto l’operato del professor Décina. Le dimissioni del professor Décina verranno comunicate alla Presidenza della Camera per le determinazioni di competenza”.