LO SCENARIO

Diversity & inclusion, le telco fanno scuola a livello mondiale

In un’era in cui la diversità, l’equità e l’inclusività sono sempre più riconosciute come pilastri essenziali, l’industria delle Tlc si pone all’avanguardia nell’abbracciare i principi. Emerge da un’indagine di GlobalData. E secondo Bcg e Harvard Business Review le aziende con team di gestione diversificati generano revenues superiori del 19% e un margine Ebit più alto di 9 punti percentuali

Pubblicato il 08 Mar 2024

Enzo Lima

woman-digitale-donne-donna-tech

In un’era in cui la diversità, l’equità e l’inclusività (Dei) sono sempre più riconosciute come pilastri essenziali del successo, l’industria globale delle telecomunicazioni si pone all’avanguardia nell’abbracciare questi principi. È quanto emerge da un’indagine di GlobalData. E secondo studi del Boston Consulting Group e della Harvard Business Review che le aziende con team di gestione più diversificati hanno entrate superiori del 19% e un margine Ebit più alto di 9 punti percentuali.

Talenti diversificati: la nuova priorità

Dare priorità all’acquisizione di talenti diversificati è diventato fondamentale per le aziende leader. Con un focus sulla creazione di ambienti di lavoro più inclusivi, le aziende di telecomunicazioni non solo stanno promuovendo una cultura di accettazione, ma stanno anche ottenendo significativi premi finanziari nel processo, afferma GlobalData. “Con il settore tecnologico spinto a ritmo elevato dal cambiamento e dall’innovazione, reclutare team che assomiglino più da vicino al mondo in generale è diventato più una priorità tra le aziende leader. È significativo che il 60% delle aziende Fortune 500 sia stato fondato da immigrati”, evidenzia Robert Pritchard, Principal Analyst, Enterprise Technology and Services di GlobalData,

L’analisi di GlobalData rivela che nel tempo stanno emergendo forze lavoro più bilanciate (per genere, razza e disabilità), spesso guidate dal C-Suite e dal Consiglio di Amministrazione, ma anche nella più ampia base di dipendenti.

I consumatori preferiscono le aziende inclusive

“La Dei si è in gran parte spostata da un esercizio di routine a una considerazione strategica chiave per la gestione. Le aziende più avanzate si sono dimostrate più di successo, con i loro clienti che preferiscono marchi e organizzazioni che si allineano ai loro valori e identità”, aggiunge Pritchard. “In termini di riequilibrio dell’intera forza lavoro, è un lungo viaggio poiché la maggior parte dei dipendenti rimane in carica per oltre quattro anni. Tuttavia, la dimostrazione di un cambiamento culturale e di un approccio più inclusivo è vitale. Questo può essere aiutato nel breve termine attraverso la formazione, il mentoring, la costruzione di team interfunzionali, il volontariato e l’impegno per il benessere dei dipendenti. Il successo nella Dei si riflette nel successo commerciale a lungo termine.”

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5