TELCO4ITALY

Fastweb, Di Feliciantonio: “Piattaforme di servizio per competere con gli Ott”

La Chief External Relations & Sustainability Officer parla di un nuovo paradigma di innovazione basato sulle infrastrutture come abilitatori di digital transformation. Riflettori anche sulle competenze: “La domanda va attivamente creata. La nostra Digital Academy è un’importante leva di business”

Pubblicato il 14 Dic 2022

Patrizia Licata

giornalista

di feliciantonio
Dall’alleanza con Iliad sull’Ftth al FuturAbility District di Milano, l’hub in cui si possono sperimentare tecnologie innovative come intelligenza artificiale, internet of things, cloud e 5G, Fastweb continua ad ampliare il suo ecosistema e prepara il terreno per un 2023 ancora in crescita. In questo la telco è in controtendenza sul mercato italiano, perché ha saputo interpretare correttamente il concetto di innovazione, ha affermato Lisa Di Feliciantonio, Chief External relations & sustainability officer di Fastweb, nel suo intervento a Telco per l’Italia.

Alle telco serve un nuovo concetto di innovazione

“Fastweb ha chiuso 37 trimestri consecutivi di crescita”, ha evidenziato Di Feliciantonio. “Sul mercato consumer soffriamo le stesse pressioni delle altre telco, ma cresciamo grazie ai segmenti wholesale, enterprise e digital transformation. Fastweb ha saputo passare da un concetto di innovazione tradizionale, incentrato sulle reti, a un concetto più di sistema incentrato sulle infrastrutture, che non sono solo rete ma data center, cybersecurity e tutti gli abilitatori della digital transformation. Questo ci ha fatto crescere sul segmento enterprise, mentre gli investimenti sulle reti ci hanno consentito di giocare un ruolo di primo piano nel mercato all’ingrosso”.

Un altro elemento di crescita per Fastweb è quello delle piattaforme che abilitano servizi innovativi e mettano in grado tutti i possibili in clienti di utilizzare le infrastrutture: “È qui che si compete con gli Ott“.

La terza dimensione è quella delle competenze, fondamentali per far crescere il mercato. “Sul segmento consumer il 50% delle famiglie italiane non ha ancora la rete fissa e per me c’è una correlazione diretta tracompetenze di base e uso della banda larga. Questo vale anche per pmi e Pa: servono più competenze per usare i servizi e la filiera deve creare la domanda, non solo servire il bisogno esistente. La Digital academy di Fastweb è diventata per noi un’importante leva di business: abbiamo stretto una collaborazione con la Pa con cui mettiamo disposizione una serie di corsi e abbiamo totalizzato oltre 10mila dipendenti pubblici che hanno usato i nostri contenuti”.

Reti sostenibili: al lavoro sulla supply chain

Fastweb è impegnata anche nella partita dell’ecosostenibilità: ha di recente annunciato il suo sostegno al progetto internazionale dell’Università di Cambdrige Marine Biomass Regeneration e gran parte delle soluzioni e dei progetti che sta portando avanti sono in chiave “green”, come FastSafe che fa leva sulla tecnologia blockchain per certificare i processi e favorire la dematerializzazione.

“La transizione digitale è fattore enorme di sostenibilità, questo va messo in evidenza”, ha affermato Di Feliciantonio. “Tutto quello che viene fatto con i bit ha meno carbon footprint dei processi tradizionali. È vero che il settore ha grandi consumi energetici ma sta facendo la sua parte per ridurre i consumi e anzi può fare da traino alla transizione ecologica. Noi di Fastweb abbiamo annunciato che saremo carbon neutral nel 2025, un enorme anticipo rispetto agli accordi Parigi, e già abbiamo infrastrutture sostenibili. Adesso lavoreremo intensamente sulla catena di fornitura, che per tutti gli attori industriali pesa per l’80% delle emissioni. Il nostro è un approccio di sistema”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4