Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Gara Eutelia-Agile, c’è tempo fino a venerdì

Prorogata di tre giorni la scadenza per la presentazione delle offerte d’acquisto. Certo l’interesse della cordata “Piero della Francesca” di De Simone. E sarebbero interessate anche Tiscali, Almaviva, Fastweb, Infracom, Interoute e KpnQuest

20 Set 2011

E' stato prorogato di tre giorni il termine per la
presentazione delle offerte per l'acquisto dei rami aziendali
di Eutelia-Agile. I pretendenti avranno tempo fino alle ore 12 del
23 settembre per sottoporre le proprie offerte.
Intanto – secondo indiscrezioni riportate da Milano Finanza –
ai tre commissari straordinari, Daniela Saitta, Francesca Pace e
Gianluca Vidal, sarebbero arrivate undici nuove manifestazioni di
interesse ma "è presumibile che il numero sia sceso in questi
ultimi giorni". Alla gara avrebbero partecipato sia fondi di
investimento sia cordate, ma sulla loro identità vige il più
stretto riserbo.

L’unico nome certo è quello della cordata “Piero della
Francesca”, guidata dal fondatore di “Cloud Italia” Mark De
Simone, che vede coinvolti Unicredit, Italtel, Cordys, Itway e
Cosmic Blue Team, pronta ad effettuate circa 100 milioni di
investimenti.  Come scrive MF, interessate all’acquisto ci
sarebbero anche Interoute, KpnQuest, Almaviva, Tiscali, Fastweb e
Infracom.

La gara ha messo in vendita il ramo Tlc e Difesa di Eutelia e
quello IT e call center di Agile, con la possibilità di presentare
sia una singola offerta sia offerte disgiunte. Finora – conclude
MF- non sarebbero arrivate offerte per il ramo Difesa mentre
l’attenzione sarebbe concentrata sugli altri settori che valgono
circa 70-80 milioni di euro.

Rimandato il processo all'ex ad Samuele
Landi

Il processo a Samuele Landi, ex ad di Eutelia, è stato rinviato al
6 marzo 2012, e il pm Roberto Rossi ha chiesto la riunificazione
con il secondo filone aretino di indagini. L'udienza era in
programma questa mattina al tribunale di Arezzo davanti al collegio
presieduto dal giudice Mauro Bilancetti.

L'ex ad di Eutelia, di cui Landi è stato tra i fondatori, non
si è presentato nonostante sia stato raggiunto qualche giorno fa
da un secondo ordine di custodia cautelare: da due anni è a Dubai.
Deve rispondere di bancarotta fraudolenta per 100 milioni di
euro.

Questa mattina il collegio ha respinto l'eccezione presentata
dall'avvocato romano Amedeo Di Segni sulla presunta
incompatibilità di due giudici che, in passato, si erano occupati
del caso come membri del tribunale del Riesame. I sei mesi concessi
dal tribunale al pm Roberto Rossi serviranno al magistrato per
concludere le indagini sul secondo filone Eutelia, quello relativo
al periodo 2008/2009 quando era amministratore delegato il senese
Leonardo Pizzichi, arrestato a Roma nell'ambito
dell'inchiesta capitolina su Agile.

In questo caso, al momento del rinvio a giudizio, qualora dovesse
profilarsi questa ipotesi, i due procedimenti verrebbero unificati.
Giovedì 29 settembre è invece in programma l'udienza davanti
al gup Annamaria Loprete che vede coinvolti il presidente onorario
di Eutelia, Angiolo, i fratelli Raimondo e Isacco, Sauro, il figlio
di Raimondo, e Alessandro figlio di Angiolo che hanno già
manifestato, ad eccezione di Angiolo e Isacco, l'intenzione di
patteggiare.

L'azienda, commissariata dal giugno 2010, ha pubblicato questa
mattina sul suo sito che la gara di vendita è stata prorogata fino
a venerdì prossimo.