DIVERSITY & INCLUSION

Gender gap, BT Italia e Valore D in campo per l’inclusione

Col supporto dell’associazione, la telco avvia una serie di iniziative per sensibilizzare i dipendenti. L’Ad Andrea Bono aderisce anche il “Manifesto sull’occupazione femminile” già siglato da Asstel

26 Lug 2022

Patrizia Licata

giornalista

donne-digitali-tech-171023170336

BT Italia attuerà una serie di iniziative in collaborazione con Valore D per promuovere l’equilibrio di genere e una cultura più inclusiva in azienda. È questo il programma che scaturisce dall’alleanza tra la telco e l’associazione di imprese che promuove il gender balance e la diversità come valori essenziali per la crescita delle imprese e del Paese.

Le iniziative di BT Italia partiranno nei prossimi mesi e saranno volte a sensibilizzare il personale interno sulla parità di genere.

La collaborazione c0n Valore D si inserisce in una più ampia strategia delineata nel Manifesto di BT Group per una Crescita responsabile, inclusiva e sostenibile.

La crescita passa per l’empowerment delle donne

Il BT Manifesto, il piano decennale presentato lo scorso dicembre dal ceo di BT Philip Janssen, punta a favorire e accelerare la crescita attraverso una tecnologia responsabile, inclusiva e sostenibile. Oltre a prevedere per BT net zero emissions nel 2030, il programma vuole raggiungere entro lo stesso anno un significativo miglioramento del gender balance.

INFOGRAFICA
I Trend 2022 per l’UC&C: come rendere smart la comunicazione aziendale
Networking
Telco

Il personale delle sedi italiane di BT avrà accesso a contenuti formativi ed iniziative realizzate da Valore D con lo scopo di sensibilizzare sui pregiudizi di genere e sul valore della diversità non solo in ambito aziendale.

Sono previsti anche momenti di riflessione sull’empowerment femminile e percorsi di mentorship.

L’AD Andrea Bono firma il “Manifesto sull’occupazione femminile”

La partnership ha avuto il suo formale kick-off con la sottoscrizione da parte di Andrea Bono, amministratore delegato di BT Italia, del “Manifesto sull’occupazione femminile“, il documento programmatico in nove punti di Valore D per includere la diversità di genere in azienda come elemento di valore.

“Sono molto orgoglioso di condividere con Valore D l’attenzione verso valori aziendali come la diversity e l’inclusion che sono da sempre assi portanti della strategia di BT. La sensibilizzazione alla parità di genere, alla valorizzazione del ruolo femminile in azienda, alla rimozione dei pregiudizi, alla diffusione di competenze digitali sono alcune delle tematiche che ci vedranno nei prossimi mesi collaborare fianco a fianco con Valore D”, ha dichiarato Bono.

Di Raimondo: “Filiera delle Tlc impegnata sull’equilibrio di genere”

“La sottoscrizione del Manifesto per l’occupazione femminile di Valore D da parte di BT Italia S.p.A è un segnale importante per la promozione dell’equilibrio di genere nel nostro Paese“, ha commentato Laura di Raimondo, Direttore di Asstel, al margine della firma.

Asstel ha già firmato il documento programmatico di Valore D lo scorso gennaio.

La sottoscrizione di BT Italia S.p.A conferma l’impegno che avevamo sottoscritto con Valore D. L’obiettivo dell’Associazione è quello di promuovere e valorizzare l’occupazione femminile e le competenze Stem, favorire pari condizioni per l’accesso al mondo del lavoro, alla carriera e al salario”, ha proseguito di Raimondo. “Le imprese della filiera stanno giocando un ruolo importante nella partita per offrire pari condizioni competitive alle nostre ragazze e per far fronte alle prossime sfide,  tra cui la Certificazione della parità di genere”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5