Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA RICERCA YAHOO-NIELSEN

I Millenials italiani? Smartphone-dipendenti. E lo shopping lo “programmano” online

Yahoo-Nielsen: sono 11,2 milioni i giovani della generazione nata fra gli anni 80 e gli Zero. Sul cellulare trascorrono 2,22 ore al giorno e sono connessi a Internet il 70% del tempo fra social network, app e giochi. E per gli acquisti si rivolgono alla Rete

24 Set 2015

Mila Fiordalisi

Il device per eccellenza dei Millennials – giovani nati tra gli anni 80’ gli anni Zero pari a circa 11,2 milioni di italiani – è lo smartphone su cui trascorrono mediamente 2 ore e 22 minuti al giorno. Attraverso questi mezzi rimangono connessi a Internet il 70% del tempo (social network e istant messagging, app, giochi e video). Solo per il 17% del tempo vengono utilizzate le app che non richiedono connessione come, ad esempio, la fotocamera o la musica. E’ quanto emerge una ricerca realizzata da Nielsen per Yahoo intervistando un campione di 1.510 utenti tra i 18 e 34 anni. “E’ la dimostrazione che il termine “telefonino” è ormai obsoleto: l’utilizzo delle funzioni telefoniche (telefonante, sms/,mms) rappresenta solo il 13% del tempo passato con il proprio smartphone”, si legge nello studio.

Analizzando l’approccio che i Millennials hanno rispetto alle spese quotidiane, la ricerca ha identificato quattro tipologie diverse: gli elitari (51%) che scelgono prodotti di qualità e attraverso i quali si possano distinguere dagli altri; Gli imitatori (22%) che, pur scegliendo prodotti di qualità sono fortemente influenzati dalle tendenze del momento; gli esibizionisti (15%), che privilegiano la quantità alla qualità cercando di distinguersi dagli altri attraverso lo shopping ed infine i conformisti (11%) che preferiscono poter comprare più prodotti a discapito della qualità. Al di là delle singole marche, i Millennials sono più orientati all’acquisto di prodotti “healthy”(52%), di produzione italiana (45%), di comprovata qualità (40%) e di basso impatto ambientale (38%) mentre per tutti loro Internet è uno strumento fondamentale per la ricerca di informazioni che orientino le decisioni d’acquisto. “Innovazione e comunicazione sono le parole chiave per raggiungere e coinvolgere i Millennials nelle loro scelte di spesa – si legge nello studio – Il 79% dichiara infatti di essere d’accordo sul fatto che i brand dovrebbero costantemente innovare i loro prodotti e il 49% concorda che la pubblicità è determinante per l’awareness del brand o del prodotto”.

“In conclusione i Millennials non rappresentano un target interessante solo dal punto di vista sociologico poichè si approcciano alla vita adulta in un modo unico ed irrepetibile ma sono la generazione di riferimento per tutto coloro che desiderano cogliere la natura globale della moderna cultura giovanile per avere accesso a questa generazione orgogliosa della sua apertura mentale e capacità di connettersi con il mondo”.

Articolo 1 di 5