In Emilia-Romagna la montagna si connette, in campo Lepida - CorCom

IL PROGETTO

In Emilia-Romagna la montagna si connette, in campo Lepida

Sprint all’iniziativa che mira a coprire quelle frazioni e vallate in digital divide. Coinvolte Tim, Vodafone, WindTre e Iliad. Sul piatto 2,5 milioni

01 Lug 2021

Accelera il progetto regionale “Copertura telefonia cellulare montagna” che vede forte interesse da parte dei Comuni montani nel coprire quelle frazioni e vallate in digital divide del loro territorio dove gli operatori cellulari non hanno effettuato investimenti per la copertura in quanto non redditivi. Il progetto vede lo stanziamento di quasi 2,5 milioni di euro fino al 2023 per la costruzione di tralicci e per portarvi energia elettrica e connettività.

I tralicci vengono realizzati solo se vanno a coprire aree ove nessun operatore ha progetti autonomi di copertura e ove a valle dell’intervento almeno un operatore dichiara che andrà con propri mezzi a installare antenne e apparati. Nel progetto sono coinvolti sempre e comunque tutti e 4 gli operatori cellulari nazionali (Tim, Vodafone, WindTre e Iliad). L’ospitalità per tutti loro, su tali tralicci, è gratuita. Si tratta di un esempio di fattiva collaborazione e coinvestimento pubblico-privato.

I Comuni coinvolti mettono a disposizione un terreno in comodato gratuito alla Regione che, tramite Lepida, realizza la struttura porta antenne di proprietà pubblica. L’attuale situazione pandemica ha dato un impulso al progetto, tenuto conto dell’incremento della necessità di banda (oltre che del servizio voce). Tali infrastrutture permetteranno agli operatori di abilitare il territorio con tecnologia 3G e 4G (oltre al Gsm) offrendo migliori connessioni ai cittadini e incrementando l’attrattività produttiva e turistica dei Comuni montani.

Complessivamente il progetto vede a oggi la previsione di realizzare 28 tralicci attraverso un loro dispiegamento in tre fasi temporali dettate dalla disponibilità degli impegni economici di Regione e della sottoscrizione dei vari impegni da parte degli Operatori cellulari: 8 siti previsti nella fase I, 9 nella fase II e 11 nella fase III. A oggi sono stati realizzati e attivati 7 siti della fase I nei seguenti Comuni: Vernasca (PC), Piozzano (PC), Tornolo (PR), Fiumalbo (MO), Frassinoro (MO), Sestola (MO) e Tredozio (FC). Vi è inoltre il sito di Farini (PC) in fase di realizzazione. Relativamente ai siti della fase II, sono stati rilasciatii 6 permessi che fanno riferimento ai tralicci attualmente in fase di realizzazione e di cui è previsto il completamento entro l’autunno: Viano (RE), Bettola (PC), Castel d’Aiano (BO), Lizzano in Belvedere (BO), Morfasso (PC) e Castiglione dei Pepoli (BO). Ulteriori 2 siti sono in fase di rilascio permessi e 1 in presentazione permessi.

Infine la fase III vede ulteriori 5 siti in presentazione permessi oltre a 5 Comuni sui quali sono stati individuati i terreni ed è stata avviata la progettazione, e un Comune sul quale si stanno finalizzando le attività di ricerca terreno. Lo stato di avanzamento lavori dei siti per i quali è già stata individuata la posizione di realizzazione è visibile su cellularimontagna.lepida.it.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

I
iliad
L
lepida
T
tim
V
vodafone
W
WindTre

Approfondimenti

M
montagna