IL TEST

6G, accelera LG: successo dei primi test outdoor in Germania

Trasferimento dati per oltre 100 metri effettuato in collaborazione con il laboratorio di ricerca applicata Fraunhofer-Gesellschaft. Il Cto Park: “Sempre più vicini all’applicazione dello spettro di comunicazione terahertz”

19 Ago 2021

A. S.

LG 6G Demo 03

LG Electronics compie un altro passo verso la realizzazione di una rete 6G: nei giorni scorsi la società ha infatti portato a termine con successo i propri test per la trasmissione e la ricezione di dati wireless 6G terahertz su 100 metri in un ambiente outdoor, tra il Fraunhofer Heinrich Hertz Institute e il Berlin Institute of Technology, in Germania. A rendere possibile questo progetto è stata la collaborazione von Fraunhofer-Gesellschaft, il più grande laboratorio di ricerca applicata d’Europa. “Poiché il 6G THz ha una portata ridotta e sperimenta la perdita di potenza durante la trasmissione e la ricezione tra le antenne – spiega LG in una nota – una delle maggiori sfide nell’evoluzione del 6G wireless è stata la necessità di un’amplificazione di potenza in grado di generare un segnale stabile attraverso le frequenze a banda ultra larga“. Fondamentale per la riuscita del test è stato l’amplificatore di potenza sviluppato da LG, Fraunhofer HHI e Fraunhofer Institute for Applied Solid State Physics (Iaf), che è in grado di generare un segnale in uscita stabile fino a 15dBm nella gamma di frequenza tra 155 e 175 GHz. Nell’esperimento è stata utilizzata anche la tecnologia di beamforming adattivo che modifica la direzione del segnale in base ai cambiamenti del canale e della posizione del ricevitore, nonché la commutazione di antenna HGA (High-Gain Antenna) che combina i segnali di uscita di più amplificatori di potenza e li trasmette ad antenne specifiche.

La standardizzazione globale del 6G è prevista per il 2025,  mentre la commercializzazione dovrebbe avvenire entro i quattro anni successivi, per una rete di nuova generazione che sarà in grado di supportare una trasmissione wireless più veloce e una velocità di comunicazione con bassa latenza e alta affidabilità e performance di rete migliori di quelle del 5G. Il 6G, recita il comunicato, sarà una componente chiave dell’Ambient Internet of Everything, tecnologia emergente che mira a migliorare gli ambienti domestici lavorativi rendendoli più sensibili, adattivi, autonomi e personalizzati sulle esigenze dei consumatori riconoscendo la presenza umana e le preferenze.

Le attività di ricerca e sviluppo sul nuovo standard sono già partite per LG da due anni, con l’istituzione nel 2019 dell’LG-Kaist 6G Research Center in collaborazione con il Korea Advanced Institute of Science and Technology, a cui si è aggiunto all’inizio del 2021 anche Keysight Technologies, produttore globale di apparecchiature di test e misurazione delle telecomunicazioni wireless. Questo impegno ha portto LG a essere selezionata per la presidenza dell’Applications Working Group della Next G Alliance, iniziativa dell’Alliance for Telecommunications Industry Solutions per guidare lo sviluppo del nuovo standard in Nord America per il prossimo decennio e oltre.

“La buona riuscita di questo test dimostra che siamo sempre più vicini al successo dell’applicazione dello spettro di comunicazione Terahertz nell’imminente era 6G – spiega I.P. Park, presidente e Cto di LG Electronics – Le nostre partnership con istituzioni e organizzazioni di ricerca locali e globali per far progredire lo sviluppo delle capacità 6G stanno portando ottimi risultati”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

L
lg

Approfondimenti

6
6G
B
banda ultralarga

Articolo 1 di 5