Maxi-inchiesta sui servizi tlc non richiesti. Ma le telco potrebbero essere parte lesa - CorCom

L’INDAGINE

Maxi-inchiesta sui servizi tlc non richiesti. Ma le telco potrebbero essere parte lesa

L’indagine della Guardia di Finanza: presi di mira abbonati di WindTre, Vodafone e Tim. Il raggiro non si sarebbe interrotto nemmeno durante l’emergenza Coronavirus

03 Lug 2020

A. S.

Importi non dovuti addebitati sulle utenze di migliaia di utenti Tim, Vodafone e WindTre, a causa dell’attivazione indebita dei cosiddetti Vas, servizi a valora aggiunto, sulle utenze telefoniche mobili. Ad accertare l’illecito è stato il Nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche della Guardia di Finanza insieme alla squadra Reati informatici della Procura di Milano, che hanno eseguito perquisizioni e ispezioni informatiche. Sull’accaduto i pubblici ministeri hanno anche inviato un’informativa all’Autorità garante per le comunicazioni, l’Agcom. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, il fenomeno illecito non si sarebbe fermato nemmeno durante i mesi dell’emergenza Coronavirus.

Gli investigatori indagano in questo caso sulle ipotesi di reato di frode informatica ai danni dei consumatori, intrusione abusiva a sistema telematico e tentata estorsione contrattuale. Secondo quanto risulta a CorCom tra gli indagati ci sono due ex dirigenti di WindTre e un ex dipendente dell’operatore, tutti non più in azienda dallo scorso anno, che avrebbero agito in concorso con aggregatori e hub tecnologici e content service provider (Csp). Le persone indagate risultano essere complessivamente 11, mentre gli inquirenti hanno sottoposto a sequestro preventivo una somma vicina ai 12 milioni di euro. Non è escluso che gli operatori possano, una volta chiarita la situazione, trovarsi nella situazione di parte lesa rispetto all’accaduto.

WHITEPAPER
Stop alle minacce informatiche grazie alla Threat Intelligence avanzata. Scopri come nel white paper
Sicurezza
Cybersecurity

A coordinare l’indagine il procuratore della Repubblica Francesco Greco, insieme all’aggiunto Eugenio Fusco e al pm Francesco Cajani, che hanno ricostruito come bastasse visitare una pagina web, spesso pubblicizzata da banner fraudolenti, per ritrovarsi senza nemmeno un click (proprio “zero click” è il nome di queste pratiche) a essere abbonati a servizi che prevedevano il pagamento periodico (settimanale o mensile) di una somma di denaro sul conto telefonico in cambio dell’accesso a contenuti non richiesti come notizie, oroscopi, suonerie, meteo, gossip, video o altro.

Questo genere di business illeciti, secondo quanto ricostruito dall’inchiesta, genera fatturati da milioni di euro e si basa essenzialmente sull’attivazione di sevizi non richiesti sulle connessioni mobili degli utenti, senza che sia necessario alcun tipo di consenso da parte di questi ultimi: gli abbonamenti in pratica avvengono tramite semplici comunicazioni automatiche “machine to machine”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA