Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

CONSOLIDAMENTO TLC

Merger O2-Three, da Bruxelles vento di bocciatura

Secondo indiscrezioni domani la Commissione Ue potrebbe certificare il “siluramento” della fusione in Gran Bretagna tra le filiali mobili di Hutchison e Telefonica. A ulteriore conferma della linea dura della Vestager. In pericolo anche Wind-3?

03 Mag 2016

Patrizia Licata

La Commissione europea è pronta a bocciare la fusione tra gli operatori mobili O2 e Three Uk, un’operazione che cambierebbe l’assetto del mercato mobile in Gran Bretagna riducendo le aziende proprietarie di un network da quattro a tre. Lo riporta oggi il Wall Street Journal che ha sentito fonti vicine alla Commissione Ue.

Tanto i regolatori britannici che quelli europei hanno fin dall’inizio espresso riserve verso il takeover proposto l’anno scorso da Hutchison Holdings, la conglomerata asiatica proprietaria di Three Uk, sull’operatore mobile di Telefonica, O2. Il timore delle autorità – nonostante le due telco abbiano proposto dei “rimedi” – è che la fusione porti a un aumento dei prezzi per i consumatori e a una riduzione della concorrenza sul mercato britannico che, sempre secondo i regolatori, è un deterrente agli investimenti. Al contrario, dal punto di vista delle telco, i merger e gli eventuali aumenti di prezzo sono necessari incentivi agli investimenti in nuove reti mobili.

La decisione finale sul deal O2-Three è attesa per domani ma il no secondo il WSJ è quasi sicuro: il commissario europeo all’antitrust Margrethe Vestager è restia a dare il via libera ad accordi che riducono il numero di operatori mobili in uno stesso Paese da quattro a tre. Il primo degli accordi del genere che l’ufficio della Vestager ha passato in rassegna è stato quello in Danimarca tra Telenor e TeliaSonera: le obiezioni avanzate da Bruxelles erano tali che le due partner hanno lasciato cadere la proposta. Ora potrebbero essere a rischio anche altre operazioni di consolidamento Tlc nell’unione, compresa la fusione tra Wind e Tre in Italia.

“Dopo quello che è successo in Danimarca l’anno scorso sembra si sia arrivati a una punto critico, l’Europa sta inasprendo la sua posizione”, ha commentato Adrian Baschnonga, analista di Ernst & Young.

Three Uk e O2 insieme avrebbero 34 milioni di utenti e diverrebbero il più grande operatore mobile britannico. Tra i rimedi proposti da Hutchison e Telefonica per facilitare il sì dell’Europa c’è l’offerta di aprire la proprietà di parte della rete mobile ai concorrenti e permettere l’accesso alla rete; Hutchison ha anche promesso di congelare i prezzi retail per cinque anni, ma i regolatori antitrust dell’Ue non sono stati soddisfatti perché preferirebbero “rimedi strutturali”.

Articolo 1 di 3