Poste, Parlamento Ue: "Garantire servizio universale, consegna almeno 5 giorni su 7" - CorCom

LA RISOLUZIONE

Poste, Parlamento Ue: “Garantire servizio universale, consegna almeno 5 giorni su 7”

Strasburgo vota a larga maggioranza la risoluzione sull’applicazione della direttiva sui servizi postali: “Coprire anche le zone remote. Prezzi siano accessibili”

20 Set 2016

F.Me

“Il servizio universale deve continuare a essere fornito nella misura massima, cioè deve almeno comprendere consegna e ritiro per cinque giorni a settimana per ogni cittadino europeo. Inoltre, al fine di soddisfare l’obbligo di servizio universale è importante mantenere ben funzionanti le reti postali, con un numero sufficiente di punti di accesso nelle regioni rurali, remote o scarsamente popolate”. È il passaggio fondamentale della risoluzione approvata, in chiusura di sessione plenaria dell’Europarlamento a Strasburgo, sull’applicazione della direttiva sui servizi postali”.

In sostanza gli eurodeputati sono intervenuti con alcune raccomandazioni (non vincolanti) in ragione del fatto che tali servizi sono mutati: basti pensare al fatto che le comunicazioni elettroniche hanno ampiamente sostituito le lettere tradizionali. Nel testo – approvato a grande maggioranza dall’emiciclo – si legge che “il servizio universale deve evolvere in funzione del contesto tecnico, economico e sociale e delle esigenze degli utenti”; al contempo “la direttiva sui servizi postali garantisce agli Stati membri la flessibilità necessaria per far fronte alle specificità locali e garantire la sostenibilità a lungo termine del servizio universale”.

Si tratta di indicazioni ben diverse dai piani delle Poste italiane, che invece prevedono la consegna di lettere e giornali a giorni alterni. La risoluzione dell’Assemblea Ue raccomanda la copertura dell’intero territorio nazionale, comprese le “zone remote”, fra cui isole e zone di montagna. Inoltre si sottolinea che “i prezzi nell’ambito dell’obbligo di servizio universale siano accessibili e garantiscano a tutti gli utenti l’accesso ai servizi forniti”.

Il relatore del provvedimento, il popolare Markus Ferber, ha sottolineato che “il servizio universale deve essere garantito anche nelle isole e nei Comuni montani”, ricordando che in Europa c’è un Paese (il riferimento è all’Italia ndr) dove ben il 25% delle popolazione non può contare sulla consegna della posta almeno cinque giorni”.

“L’Ue riconosce che i servizi postali debbano essere di alta qualità a condizioni accessibili, comprendenti almeno cinque giorni di consegna e di raccolta a settimana per tutti i cittadini”, spiega l’europarlamentare del Pd Isabella De Monte, intervenuta in Plenaria a Strasburgo durante il dibattito

Secondo De Monte “il Parlamento europeo ha ribadito quello che secondo me è un concetto fondamentale: il diritto di ricevere o di comunicare informazioni rappresenta un pilastro importante della politica europea e, come tale, deve essere tutelato. E’ pertanto basilare garantire un servizio postale universale a condizioni accessibili e di alta qualità, soprattutto in ordine alla frequenza della distribuzione e della raccolta della posta. Le zone più remote e scarsamente popolate meritano una menzione particolare, dato che la fornitura del servizio in tali luoghi risulta fondamentale per ragioni di coesione sociale”.

“Tuttavia non si nega la necessità di garantire – sottolinea De Monte – in presenza di circostanze eccezionali, un adeguato margine di flessibilità, tale da preservare la sostenibilità del servizio adattandolo alle nuove esigenze degli utenti e ai recenti sviluppi del mercato. Ciò però solo a condizione che non venga meno il ruolo e la funzione stessa del servizio universale, caratterizzato dalla preminenza dell’interesse pubblico”.

Sul tema è intervenuta anche l’Uncem. L’Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani plaude alla risoluzione del Parlamento Ue. In primo luogo non sono ammissibili disparità di trattamento tra aree diverse, in base alla densità di popolazione e alle conformazioni del territorio. “Il testo votato a Strasburgo – commenta Enrico Borghi, presidente nazionale Uncem – è chiarissimo. Negli ultimi cinque anni abbiamo fatto una serie di richieste e proposte a Poste Italiane, a partire dalla nascita di sportelli multiservizio, più vicini alle esigenze delle comunità e degli Enti locali. Alla luce di quanto scritto dal Parlamento UE ridefiniremo il dialogo con Poste al tavolo nazionale nato dalla Conferenza unificata per volontà del ministro Costa”.