VIA AL NUOVO LISTINO

Roaming, l’Europarlamento pronto a votare il taglio delle tariffe

Prevista per giovedì 10 maggio l’approvazione del nuovo listino: dal 1° luglio 2012 tetto massimo di 70 cent per Mb e per le chiamate in uscita non si potranno superare i 29 cent al minuto

08 Mag 2012

F.Me.

Il costo di utilizzo di telefoni cellulari, smartphone e tablet quando si viaggia all’interno dell’Ue diminuiranno drasticamente a partire dal 1° luglio di quest’anno. Lo prevede un accordo di massima tra gli eurodeputati e i governi nazionali che verrà votato dal Parlamento di Strasburgo giovedì 10 maggio.

Le nuove regole estenderanno i prezzi massimi comunitari per le telefonate transfrontaliere, già in vigore dal 2007, anche ai servizi di dati quali la posta elettronica e la navigazione in rete e saranno inoltre ridotti ulteriormente i costi delle chiamate vocali.

In seguito a pressioni da parte dei deputati, il tetto massimo per il traffico dati non supererà – a partire dal 1° luglio 2012 – i 70 centesimi a megabyte, e sarà successivamente portato gradualmente a 45 centesimi nel 2013 e a 20 centesimi il 1° luglio 2014. Attualmente, non esiste un limite alle tariffe che gli operatori possono applicare ai servizi di dati mobili.

WHITEPAPER
Wi-Fi o 5G per le imprese? Una guida spiega cosa (e come) scegliere
Personal Computing
Telco

Le nuove tariffe al dettaglio per le chiamate vocali ridurranno il costo delle chiamate in uscita a 29 centesimi al minuto dal 1° luglio 2012 e a 19 centesimi dal luglio 2014, contro l’attuale soglia massima di 30 centesimi. Anche gli SMS saranno meno cari, scendendo dall’attuale massimo di 11 centesimi a 9 centesimi il 1° luglio di quest’anno e a 6 centesimi il 1° luglio 2014.

Inoltre, dal 1° luglio 2014, i clienti avranno la possibilità di acquistare separatamente da operatori diversi, se lo desiderano, i propri servizi nazionali e i propri servizi roaming, mantenendo lo stesso numero di telefono. Non dovranno pagare per cambiare di fornitore, e i fornitori nazionali avranno l’obbligo di informarli di questo diritto.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link