Roaming, marcia indietro della Commissione sul "fair use" - CorCom

IL RINVIO

Roaming, marcia indietro della Commissione sul “fair use”

Il presidente Junker torna sui propri passi dopo la presentazione del piano di transizione sulle tariffe avvenuta lunedì. Aspetti tecnici “non abbastanza soddisfacenti”, ma presto arriverà una nuova proposta

09 Set 2016

Andrea Frollà

La Commissione europea fa marcia indietro sulla proposta di fair use del roaming. Appena 4 giorni dopo la presentazione delle misure operative da adottare in vista della fine delle tariffe di roaming per la telefonia di giugno 2017, Jean-Claude Junker ritira il progetto.

La conferma arriva dal portavoce del presidente della Commissione, Alexander Winterstein: “Ha dato istruzione di ritirare le proposte e di produrne delle nuove”. Gli aspetti tecnici del provvedimento non sarebbero “abbastanza soddisfacenti”, spiega Winterstein senza fornire ulteriori informazioni sulle motivazioni del dietrofront. La proposta prevedeva, tra i vari punti, che in attesa dell’addio definitivo, previsto per la prossima estate, la cancellazione delle tariffe per chi viaggia all’estero avrebbe dovuto limitarsi a 90 giorni. Un aspetto che aveva provocato numerose critiche: da un lato, alcuni parlamentari che avevano giudicato la mossa poco audace chiedendo di più, dall’altro, le compagnie del settore tlc che avevano reputato le misure come un giro di vite troppo stretto.

Sulla vicenda era intervenuto anche il vicepresidente per il mercato unico digitale della Commissione europea, Andrus Ansip, secondo il quale la politica dei 90 giorni sul fair use della proposta avrebbe rappresentato l’equivalente della scomparsa del roaming “per la maggior parte degli europei” visto che, aveva fatto notare, i cittadini dell’Ue viaggiano all’estero in media per 12 giorni all’anno.

A chi chiede al portavoce di Junker come mai una mossa talmente inusuale per la Commissione, dove i testi legislativi vengono discussi a lungo e difficilmente ritirati nottetempo dopo neanche 4 giorni dalla loro presentazione, la risposta è: “Abbiamo ascoltato gli interlocutori e ora torniamo alla lavagna. Junker ha ritenuto che bisognasse fare qualcosa di meglio e quindi ci lavoreremo su”.

webinar -16 dicembre
5G e connettività a banda ultralarga: la priorità, anche dopo l'emergenza
Networking
Telco

“Per oltre un decennio – ricorda il portavoce – Junker ha lavorato duramente per ridurre i costi di roaming che i lavoratori europei dovevano affrontare. Dal 2007, tali costi sono diminuiti di oltre il 90% per le chiamate, i messaggi e il traffico dati”. Quando il Parlamento europeo e il Consiglio, a ottobre scorso, hanno approvato la decisione di cancellare definitivamente le tariffe nel 2017, “avevano chiesto alla Commissione di definire le misure per prevenire gli abusi, ovvero l’uso di tali vantaggi tariffari per periodi superiori a quelli dei viaggi periodici”.

Il piano della Commissione svelato lunedì andava in questo senso, ma evidentemente per Junker c’è da rivedere qualcosa. Una nuova proposta, assicura Winterstein, “sarà presentata presto“. Probabilmente già la prossima settimana insieme al nuovo pacchetto di misure sul copyright e il quadro regolamentatorio delle tlc, verosimilmente mercoledì quando Juncker terrà anche il discorso sullo Stato dell’Unione.

Una mossa che il responsabile per gli affari economici e legali dei consumatori europei del Beuc Guillermo Beltrà, legge in chiave positiva chiedendo più coraggio alla Commissione: “I consumatori vogliono il vero affare, ci aspettiamo che il ritiro della proposta della Commissione Ue significhi che torni alla lavagna per disegnare nuove regole tarate sugli interessi a lungo termine dei consumatori“, perché “la fine dei sovraccosti del roaming significa la fine dei sovraccosti del roaming“. La proposta della Commissione, aggiunge Beltrà, “non garantiva la fine del roaming come era stata promessa ai consumatori, e non era abbastanza ambiziosa per costruire un reale mercato unico digitale”.

Un segnale forte è lo stesso che sulle regole per la fine del roaming si aspetta il leader del gruppo dei popolari europei all’Europarlamento Manfred Weber: “La pressione del Gruppo Ppe sta portando i suoi frutti, stiamo spingendo per la fine dei sovraccosti del roaming nel 2017 in piena trasparenza, questo è quello che abbiamo promesso ai nostri cittadini e lo sosteniamo ancora”.