Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

CALL CENTER

Si scalda la vertenza Comdata, altissime adesioni allo sciopero

A Pozzuoli e Padova, le due sedi che l’azienda vorrebbe chiudere mettendo a rischio 264 lavoratori, l’adesione è stata del 100%. Negli altri siti registrate punte fino al 90%. Slc: “L’azienda non proceda con con atti unilaterali”. A fine maggio il primo incontro tra la società e i sindacati

18 Mag 2018

F. Me

Alta l’adesione allo sciopero tra i lavoratori Comdata contro la chiusura delle sedi di Padova e Pozzuoli. L’adesione delle lavoratrici e dei lavoratori di Comdata allo sciopero indetto per oggi dai sindacati di categoria è stata estremamente positiva – si legge in una nota della Slc –  A Pozzuoli e Padova, le due sedi che l’azienda vorrebbe chiudere, l’adesione è stata del 100%. Nelle altre sedi si sono registrate punte fino al 90%. Questa è la dimostrazione concreta che l’azienda non deve procedere con atti unilaterali e chiusure di sedi”.

Comdata ha annunciato la chiusura dei call center di Padova e Pozzuoli che mette a rischio 264 lavoratori: si tratta di circa 60 adetti della sede campagna e i 200 restanti della veneta, 60 dei quali di Comdata tech quindi con contratto metalmeccanici.

La chiusura dei due siti rientra nella strategia di riallocazione delle commesse messa in campo da Comdata. Come spiega a CorCom Angelo Ughetta della Uilcom, “l’azienda intende spostare le attività di customer care del settore bancario, attualmente erogate dei call center di Padova, nella sede di Ivrea che ha subito un calo dei volumi di chiamate a seguito del ridimensionamento della commessa Tim (a Ivrea di fa principalmente customer care per le telco ndr)”. Nel call center piemontese ci so363 addetti in cassa integrazione a zero ore che dovrebbero – nelle intenzioni di Comdata – riprendere l’attività una volta spostata la commessa da Padova.

“L’azienda non ha perso commesse – puntualizza Ughetta – Per questo nelle prossime settimane chiederemo un incontro con i vertici per cercare soluzioni che possano mantenere in piedi le sedi anche ricorrendo, laddove possibile a strumenti di welfare”.

A Pozzuoli dove rischiano il posto circa 60 persone, invece, la situazione è più critica. Si tratta di un sito che non gestisce una commessa ma “pezzi” sparsi di altre attività che però sono “core” in altri siti. Inoltre molti lavoratori sono ex addetti Vodafone, passati in Comdata quando la società ha comprato il ramo d’azienda dalla compagnia e dunque con un costo del lavoro più alto rispetto agli altri.

Come spiega la società nella comunicazione di apertura della procedura per riduzione di personale, il sito di Pozzuoli “ha prodotto un valore della produzione insoddisfacente rispetto ai costi com plessivi da esso sostenuti.  Difatti il costo del lavoro, sproporzionato rispetto alle commesserimaste e al fatturato generato, congiuntamente al ridotto dimensionamento, non permette più lacopertura dei costi fissi di gestione della struttura causando quindi un risultato di Ebitda costantementenegativo”. Per Comdata  i risultati degli esercizi pregressi non sono stati idonei, e non lo potranno essere per il futuro, a sostenere i costi dell’unità produttiva di Pozzuoli e dunque “la prosecuzione delle attività si rivela essere una soluzione non perseguibile, stante l’incapacitàdei siti di poter proseguire l’attività in un equilibrio economico sostenibile”.

Stando a quanto risulta a CorCom il primo incontro tra azienda e sindacati a livello nazionale ci sarà a fine mese mentre quelli a livello territoriale, con la presenza delle istituzioni locali, inizieranno i primi di giugno.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
call center
C
comdata
S
slc
U
uilcom

Articolo 1 di 5