Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'ANNUNCIO

La rivincita di Nokia? Ecco i due nuovi smartphone premium

Non solo feature phone: Hmd Global, l’azienda che commercializza i telefoni della finlandese, pronta a farsi strada con i Nokia 7.2 e 6.2, presentati all’Ifa di Berlino. Focus su sicurezza, fotocamere e Android experience. E nel 2020 arriverà un modello 5G

06 Set 2019

Patrizia Licata

giornalista

Hmd Global, l’azienda finlandese che produce e commercializza i cellulari a marchio Nokia ed è oggi numero uno dei feature phone, è pronta a ritagliarsi un ruolo da protagonista anche sul mercato degli smartphone. La presenza di due telefoni intelligenti di fascia premium tra i cinque modelli presentati all’Ifa, la kermesse dell’elettronica di consumo in corso a Berlino, sottolinea questa strategia: nella gamma figurano il Nokia 7.2, device con potente tripla fotocamera da 48Mp dotata di ottiche Zeiss, e il Nokia 6.2, con esperienza PureDisplay e tre fotocamere con intelligenza artificiale (Ai). Per il 2020 in cantiere c’è anche un modello 5G; intanto HMD prosegue la sua espansione internazionale guardando con grande interesse al mercato statunitense dove la trade war e il caso Huawei creano più spazi per i vendor europei.

Nokia 6.2 e Nokia 7.2 saranno disponibili in autunno in Italia al prezzo di 259 euro e 379 euro rispettivamente. Nella nuova lineup rientrano anche i nuovi feature phone Nokia 2720 Flip (compatto e user-friendly grazie all’AI integrata, ideale per gli utenti con esigenze di accessibilità o alla ricerca di un periodo di digital detox; in Italia costerà 99 euro) e il Nokia 110 (interamente dedicato all’intrattenimento ed è proposto al prezzo di 29 euro). Hmd ha presentato anche il Nokia 800 Tough, il suo primo telefono “rugged”, al momento non destinato alla vendita nel nostro paese.

Hmd Global ha rilevato da Nokia il marchio dei telefoni cellulari insieme ai brevetti essenziali sviluppati dal vendor di Espoo (stessa città dove ha sede HMD). Mentre Nokia si è focalizzata sugli apparati di rete, Hmd continua a vendere i telefonini, con un design tutto finlandese, sistema operativo Android e fabbricazione cinese (presso il contractor Foxconn). I chip per i nuovi smartphone sono di Qualcomm.

I nuovi modelli presentati oggi all’Ifa di Berlino lasciano intendere che il ruolo di brand per i cellulari “base” sta stretto alla società di Espoo. “Stiamo preparando la strada per la prossima fase dei telefoni Nokia e abbiamo identificato aree di investimento strategiche per offrire ai nostri fan un’esperienza di qualità”, ha dichiarato Florian Seiche, Ceo di Hmd Global. “Ci focalizzeremo in particolare nel portare innovazione in campo 5G, sicurezza, imaging e design”.

“La nostra gamma di fascia media è nota da sempre per andare oltre le aspettative dei fan”,  afferma Juho Sarvikas, Chief Product Officer di Hmd Global. “Nokia 7.2 e Nokia 6.2 portano avanti la medesima filosofia: offrire esperienze di altissima qualità a un valore eccezionale. Nokia 7.2 e Nokia 6.2 hanno una durata della batteria di due giorni e presentano un design unico realizzato con materiali fedeli alla nostra tradizione nordica. Sono inoltre pronti per Android 10 e offriranno un’esperienza del sistema operativo che continua a migliorare”.

La strategia di Hmd è soddisfare le richieste del pubblico globale, incluse le esigenze di connettività più avanzate. L’obiettivo viene perseguito offrendo quella che l’azienda definisce la “pure Android experience”: i cellulari Nokia offrono l’intera suite Google ma senza pre-caricare altre applicazioni che possono occupare spazio, rallentano gli aggiornamenti e usano energia della batteria. Sulla batteria, l’impegno, già preso sul Nokia 7 Plus e che viene gradualmente esteso a tutti i modelli, è garantire una durata di due giorni per un utilizzo “medio” grazie a processori che ottimizzano i consumi, batterie più potenti e tecnologie adattive basate sull’intelligenza artificiale di Google.

La partnership con Google permette anche di ottimizzare i cellulari Nokia per gli utenti enterprise sia in ottica di sicurezza che con la completa separazione delle applicazioni per il lavoro e quelle personali.

Anche il 5G è un pilastro della strategia di Hmd: l’azienda finlandese lavora per lanciare nel 2020 il suo primo smartphone 5G, che sarà un modello “premium ma sempre di prezzo accessibile”.

La società di Espoo riprova a conquistare i mercati globali nell’era del 5G con una rete di distribuzione sempre più allargata e guardando con estremo interesse allo sviluppo sul mercato degli Stati Uniti. Negli scorsi sei mesi la nuova casa dei cellulari Nokia si è fatta avanti sul segmento prepaid e ora, grazie a un accordo con l’operatore Verizon, avanza su quello postpagato. La crescita è stata veloce grazie all’intenso lavoro di marketing e alla proposta di quel design e qualità finlandese che hanno reso la vecchia Nokia la regina assoluta dei telefonini nell’era del Gsm. La vicenda Huawei ha remato a favore, aprendo larghi spazi di conquista.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

5
5g
A
android
N
Nokia
S
smartphone

Articolo 1 di 5