Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

LA CRISI

Tagli Almaviva, da Palermo monta la protesta dei lavoratori

Gli addetti del call center siciliano pianificano un calendario di iniziative. Gazebo permanente e sit-in davanti alla sede dei committenti. La Fistel Cisl attacca la Regione Sicilia e invoca l’accesso a misure straordinarie “come per la crisi dell’area industriale di Termini Imerese”

22 Mar 2016

Sindacati sul piede di guerra a Palermo dopo l’annuncio di 1.670 esuberi nella sede di Palermo di Almaviva. Dopo il sit- in di oggi a piazza Indipendenza, davanti alla sede della Presidenza della Regione siciliana, le parti sociali programmano le prossime iniziative di protesta. I lavoratori parteciperanno alle celebrazioni del Venerdì Santo alla Cattedrale di Palermo per chiedere al vescovo di intercedere per la vertenza e chiedere un ”forte intervento” delle istituzioni.

Previsti poi un gazebo permanente in via Ruggero Settimo da sabato mattina per coinvolgere la cittadinanza, e sit-in davanti le sedi dei committenti Almaviva, giovedì 24 davanti Enel in via Autonomia siciliana, venerdì 25 davanti la sede Telecom e nello stesso giorno davanti la sede Wind a Palazzo Gamma, ”per sensibilizzare i committenti e richiamarli alle loro responsabilità”.

I sindacati nazionali hanno chiesto anche un incontro al Mise. ”Siamo di fronte ad una vertenza dall’enorme impatto sociale come quella di Termini Imerese, anzi i numeri in questi casi sono ancora più allarmanti – commenta Daniela De Luca segretario Cisl Palermo Trapani – E giunto il momento di mettere in campo qualunque azione possibile”.

“Non possiamo consentire la perdita di nessun posto di lavoro – aggiunge De Luca -, Regione e governo nazionale facciano ora ciò che rinviano da troppo tempo mettendo ordine al settore, imponendo regole certe e punendo chi assegna appalti ad un prezzo che è al di sotto del costo del lavoro”.

La Cisl attacca anche la Regione Sicilia. “La Regione si era assunta l’impegno di farsi portavoce della vertenza a livello nazionale e di valutare la possibilità di dichiarare lo stato di crisi dei callcenter in Sicilia – ricorda Eliana Puma Rsu Fistel Cisl -, ci chiediamo che fine abbiano fatto questi impegni e il tavolo regionale che era stato istituito a febbraio”.

“Si tratta di una vertenza nazionale – ha spiegato Francesco Assisi segretario Fistel Cisl Palermo Trapani – che ha però bisogno di un forte appoggio a livello territoriale da Regione e Comune, come ad esempio la dichiarazione dello stato di crisi del settore call center in Sicilia per ottenere l’accesso a misure straordinari come per la crisi dell’area industriale di Termini Imerese, contratti di area, fondi straordinari per la formazione e riqualificazione del personale”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
Almaviva
C
call center
L
licenziamenti
T
tagli

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link