Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

POLTRONE

Nessun posto per Stefano De Angelis in Telecom. Il manager esce di scena ma resta nel board brasiliano

L’ex Ceo di Tim Brasil si dimette ma rimane nel consiglio d’amministrazione della controllata sud americana. In vista del suo rientro in Italia gli era stata offerta la posizione di direttore commerciale unico. Una posizione non in linea con le aspettative

01 Ago 2018

Si dimette da Telecom Italia Stefano De Angelis, ma resta nel cda di Tim Brasil dove ha concluso il suo mandato biennale di numero uno “per garantire un efficace passaggio di consegne e supportare la Società nel raggiungimento degli obiettivi strategici”, così una nota di Tim. Sotto la sua guida la controllata carioca ha visto salire il margine Ebitda oltre il 36%. Il nuovo ceo è Sami Foguel.

De Angelis era entrato nel gruppo di tlc nel ’97, dopo una breve esperienza in Fiat, ricoprendo diversi incarichi.

Stefano De Angelis possiede ad oggi 4.760 azioni ordinarie di Telecom Italia e 55.645 azioni ordinarie di Tim Participações. Sami Foguel non possiede ad oggi azioni ordinarie di Telecom Italia e di TIM Participações.

Sami Foguel, che assumerà l’incarico dal prossimo 23 di luglio, ha conseguito una laurea in ingegneria all’università di Campinas Unicamp con un Mbapresso l’University of Michigan. Il suo ultimo incarico è stato quello di vice president con delega alle relazioni con la clientela e Chief Officer per le attività Cargo di Azul Airlines, dal 2014, e Coo di Tap Air Portugal dal 2017. In passato è anche stato per 5 anni Vice President per Banco Hsbc in Brasile e per oltre 10 anni in Mckinsey & Company.

In vista del suo rientro in Italia, scrive il Sole 24 Ore, a De Angelis era stata offerta la nuova posizione di direttore commerciale unico che però aveva rifiutato. In Tim la posizione di chief operating officer è stata suddivisa in due direzioni affidate a manager provenienti dall’estero del gruppo: le infrastrutture a Stefano Siragusa e la direzione commerciale unica a Pietro Scott Jovane. Così De Angelis, che il Sole definisce “l’ultimo top manager della vecchia guardia rimasto nel gruppo dopo una serie di uscite eccellenti”, ha deciso di lasciare.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

D
de angelis
T
TIM

Articolo 1 di 5