Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L’AUDIZIONE

Tlc, Angelini: “La questione centrale si chiama sostenibilità”

Il direttore Public affairs di Wind Tre in audizione alla commissione Lavori pubblici del Senato: “In Italia forti investimenti e grandi vantaggi per i consumatori. Ora serve un nuovo patto tra associazioni, istituzioni, autorità e imprese”

04 Lug 2019

A. S.

“La nostra industry oggi ha una questione centrale che si chiama sostenibilità. Ricavi e margini sono strutturalmente in calo, e la politica dei prezzi, negli ultimi anni, ha prodotto grandi vantaggi per i consumatori italiani rispetto alla media degli altri Paesi europei”. Lo ha detto durante un’audizione alla commissione Lavori pubblici del Senato Massimo Angelini, direttore Public Affairs, Internal & External Communication di Wind Tre.

“Le Telco inoltre – prosegue – hanno mantenuto un profilo di investimento importante, circa sette miliardi l’anno, in linea con le esigenze dei clienti e il forte consumo dei dati. In questo quadro va poi tenuto conto dei numerosi interventi normativi e regolamentari a tutela dei consumatori”.

“Siamo veramente certi – conclude Angelini – di aver bisogno di un ennesimo intervento normativo su una leva fondamentale di competizione come quella dei prezzi? Noi pensiamo- conclude Angelini – che sarebbe auspicabile, invece, favorire un nuovo patto tra associazioni dei consumatori, Istituzioni, Autorità e imprese che possa rafforzare ulteriormente ciò che è stato fatto in questi ultimi anni”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

M
Massimo Angelini

Aziende

W
wind tre

Approfondimenti

T
tlc

Articolo 1 di 5