Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

CONSOLIDAMENTO TLC

Tlc, la Francia in pieno fermento: ora Orange punta a Bouygues Telecom

Continuano le manovre di consolidamento sul mercato. E Numericable ha annunciato di essere in trattative esclusive per acquisire l’Mvno Virgin Mobile France

16 Mag 2014

Patrizia Licata

Continuano le manovre di consolidamento sul mercato francese delle telecomunicazioni: Orange sta studiando un acquisto del rivale più piccolo Bouygues Telecom ed è in trattative con la sua capogruppo Bouygues, secondo quanto riportato da Les Echos, mentre Numericable ha annunciato di essere entrata in trattative esclusive per l’acquisto dell’operatore mobile virtuale Virgin Mobile France.

Stephane Richard e Martin Bouygues, chief executive officer rispettivamente di Orange e Bouygues, si sono già incontrati in passato per discutere una possibile fusione e il governo – favorevole a queste manovre di consolidamento e proprietario del 27% di Orange – è stato ogni volta tenuto informato. Il deal valuterebbe Bouygues Telecom oltre 6 miliardi di euro; con la vendita Bouygues e il suo azionista JCDecaux riceverebbero delle azioni di Orange e si ritroverebbero a possederne quasi il 10%, secondo Les Echos.

Il ministro francese dell’Economia Arnaud Montebourg ha detto questa settimana che il governo intende ridurre a tre il numero di operatori telecom nazionali, perché la forte concorrenza sta danneggiando l’occupazione nel settore e gli investimenti in ultra-banda larga. Il ministro ha anche dichiarato che Bouygues Telecom dovrebbe valutare alleanze con altri operatori e confermato oggi che ci sono trattative in corso tra gli operatori telecom francesi su possibili partnership.

Come noto il governo francese a inizio anno ha fortemente sostenuto l’offerta di Bouygues per l’operatore telecom Sfr di Vivendi, poi acquisito da Numericable. Questo ha fatto sì che gli operatori telecom sul mercato nazionale siano rimasti quattro.

Bouygues a sua volta ha fatto sapere nei giorni scorsi che sta lavorando su una ristrutturazione della sua unit telecom e prendendo in considerazione alleanze nel settore, pur con l’obiettivo di rimanere indipendente. Richard di Orange, invece, ha detto in un’intervista al Financial Times che Bouygues Telecom si trova di fronte a una difficile sfida e al compito di ristrutturarsi profondamente. “Perciò capisco che valuteranno ogni opzione, anche alleanze di network sharing con altri operatori o un merger”, ha detto. “Credo stiano soppesando le varie possibilità, ma devono far presto”.

Intanto i sindacati hanno mandato una lettera al primo ministro Manuel Valls scheriandosi a favore di un’unione tra Bouygues Telecom e Orange in difesa dei posti di lavoro: secondo loro la situazione di Bouygues Telecom mette a rischio 2.000 lavoratori.

Il mercato però non ha accolto del tutto positivamente la notizia del possibile legame Bouygues TelecomOrange: per Ubs sarebbe “negativo in modo incrementale per Bouygues rispetto allo scenario, al momento assunto da gran parte del mercato, di un’alleanza tra Iliad e Bouygues“, ha scritto in una nota la banca, sottolineando che nello scenario di un deal OrangeBouygues Telecom, Bouygues otterrebbe più azioni che contanti e quindi rimarrebbe esposta al mercato delle telecomunicazioni francese. Ubs sottolinea inoltre che, a livello antitrust, la revisione dell’operazione sarebbe attribuita alla Commissione Europea, che potrebbe chiedere concessioni più severe rispetto all’antitrust francese. Se l’operazione andasse comunque in porto, secondo la banca a beneficiarne sarebbe Iliad: una eventuale fusione tra Bouygues Telecom e Orange porterebbe i due operatori e cedere asset di telefonia mobile come frequenze e torri di trasmissione, fornendo a Iliad una buon a opportunità per raggiungere gli obiettivi di copertura del mercato, nota Ubs.

Intanto la società del cavo e delle telecomunicazioni Numericable è in trattative per comprare Virgin Mobile France,un’operazione valutata 325 milioni di euro. Numericable, controllata di Altice, ha reso noto di essere entrata in negoziati esclusivi con Omer Telecom Limited, la capogruppo di Virgin Mobile France. A sua volta Omer è di proprietà al 46% del gruppo britannico Carphone Warehouse, catena di negozi di cellulari. Virgin Mobile France è un operatore mobile virtuale con oltre 1,7 milioni di abbonati in Francia e revenues di 560 milioni nell’anno fiscale 2012-13.

Articolo 1 di 4