Turchia, Erdogan: "Estirperemo Twitter" - CorCom

SOCIAL MEDIA

Turchia, Erdogan: “Estirperemo Twitter”

L’affermazione fatta dal premier durante un comizio nella provincia di Bursa. Ma ironia della sorte, è stata rilanciata proprio su Twitter

20 Mar 2014

Lorenzo Forlani

Dopo aver annunciato che il governo si impegnerà a mettere al bando Facebook e YouTube subito dopo le elezioni comunali del 30 marzo, il premier della Turchia Recep Tayyip Erdogan se l’è presa oggi con Twitter, dichiarando che sarà presto vietato nel paese.

“Estirperemo Twitter e tutto il resto”, ha detto Erdogan in un comizio nella provincia di Bursa. Erdogan sostiene che l’inchiesta in materia di corruzione che a dicembre ha quasi travolto il suo governo sia stata orchestrata dall’estero tramite i social network, ai quali ha quindi dichiarato guerra.

Ironia della sorte, la sua frase di oggi su Twitter è stata rilanciata dall’agenzia ufficiale Anadolu proprio tramite il suo account sul sito di micro-blogging. Il 7 marzo scorso Erdogan se l’era presa con altri siti. “Ci sono misure che prenderemo dopo il 30 marzo, non lasceremo il paese in balia di Youtube e di Facebook“, aveva detto in un’intervista televisiva.

La minaccia di censurare i social network è arrivata dopo che il parlamento ha approvato a fine febbraio una legge di proposta governativa che rafforza il controllo pubblico sul web, dando all’autority sulle telecomunicazioni i poteri di raccogliere dati sugli utenti e di bloccare siti Web.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
anadolu
E
erdogan
F
facebook
T
twitter
Y
youtube