Unifiber, perfezionato l’accordo fra Unidata e il fondo Connecting Europe - CorCom

BANDA ULTRALARGA

Unifiber, perfezionato l’accordo fra Unidata e il fondo Connecting Europe

Al via il progetto di realizzazione di una rete in fibra ottica con accesso aperto agli utenti residenziali ed aziendali nelle aree grigie del Lazio: prevista la copertura di oltre 100mila unità immobiliari e 5mila aziende

21 Dic 2020

Veronica Balocco

Il progetto Unifiber diventa realtà. E’ stato infatti perfezionato in questi giorni l’accordo fra Unidata, operatore di telecomunicazioni, cloud e servizi IoT, quotato sul mercato Aim Italia di Borsa italiana, e il fondo europeo Connecting Europe broadband fund (Cebf)capitanato per la parte italiana da Roberto Opilio – per la realizzazione di una rete in fibra ottica nelle aree grigie del Lazio. La finalizzazione della operazione dà il via ad una operatività immediata del progetto.

Obiettivo di Unifiber è la realizzazione di una rete in fibra ottica Ftth, ad accesso aperto agli utenti residenziali ed aziendali nelle aree grigie del Lazio che coprirà oltre 100mila unità immobiliari residenziali e 5mila aziende. I progetti e gli investimenti potranno essere raddoppiati.

A Unidata progettazione e manutenzione

Unifiber, che svolgerà la sua attività come operatore di tipo wholesale-only, ha demandato ad Unidata la progettazione, la direzione e la realizzazione della propria rete in fibra ottica Ftth. Unidata sarà inoltre anche responsabile della manutenzione della stessa rete. Le attività svolte da Unidata per conto di Unifiber fanno prevedere una ricaduta in termini economici pari circa a quattro milioni nei primi quattro anni di investimenti, e pari a un totale di cinque milioni nei complessivi dieci anni.

WHITEPAPER
Che differenza c’è tra VPN software e VPN hardware?
Networking
Banda larga

Il valore della parte di infrastruttura in fibra ottica che Unidata avrà il diritto di utilizzare in modalità pay-per-use, secondo gli accordi stabiliti con Cebf, le consentirà di raggiungere e attivare con anticipo rispetto a terzi l’utenza nelle aree grigie. Anche se la rete costruita sarà aperta ad altri operatori, Unidata punta ad arrivare per prima ad offrire le soluzioni consentite dalla infrastrutturazione in Ftth, godendo di un concreto vantaggio commerciale sui competitor, rivolgendosi con anticipo sia alle utenze residenziali che alle aziende presenti nelle aree grigie.

Il ruolo del fondo Cebf

Cebf è un fondo infrastrutturale incentrato sugli investimenti in greenfield partecipato dalla Commissione europea, da Cassa depositi e prestiti (Italia), Caisse des depots (Francia), Kfw (Germania), European investment bank, e da altri investitori istituzionali privati.
Confermati gli obiettivi di investimento che prevedono un apporto, da parte dei due soci, pari ad 18,5 milioni di euro, di cui 15 milioni investiti da Cebf e 3,5 milioni da Unidata, a fronte di un investimento complessivo previsto da parte di Unifiber di 40 milioni di euro.
Al verificarsi di determinate condizioni Cebf potrà effettuare ulteriori apporti in Unifiber fino a 30 milioni di euro.

Unifiber è partecipata per il 30% da Unidata e per il restante 70% da Cebf.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4