Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

VERSO L'ASSEMBLEA

Vegas: “De Puyfontaine alla presidenza Telecom? Non irrilevante per Consob”

Per il presidente dell’Autorità l’eventuale arrivo del ceo di Vivendi ai vertici della compagnia di Tlc “non passerebbe inosservato”. Intanto inizia il conto alla rovescia per la presentazione delle liste in vista del cda del 9 aprile

04 Apr 2017

F.Me

L’arrivo di Arnaud De Puyfontaine alla presidenza di Telecom Italia “non passerebbe inosservato agli occhi della Consob“. Lo ha detto il presidente della Consob Giuseppe Vegas parlando a margine di un convegno. Alla domanda di cosa cambierebbe con una eventuale nomina del manager francese, Vegas ha risposto: “Cambierebbe il presidente che non è poco. Non si tratta di un valore meramente estetico. Poi dipende dalle deleghe e da come uno le esercita”.

In vista dell’assemblea dei soci di Telecom il 4 maggio Vivendi, socio di maggioranza della compagnia, dovrà decidere come riempire. In questa prospettiva salgono le quotazioni del ceo della media company francese, Arnaud de Puyfontaine.

De Puyfontaine è attualmente vicepresidente di Telecom Italia e, secondo una delle fonti, rappresenterebbe una scelta ragionevole per Vivendi, azionista di riferimento a un soffio dalla quota opa del 24%.

Per la presentazione delle liste per il rinnovo del cda c’è tempo fino al 9 aprile. Lo statuto Telecom Italia prevede che il presidente venga scelto dal consiglio al suo interno, o venga votato dai soci. Quando è stato nominato l’attuale cda, il presidente è stato votato in assemblea. Recchi ha ricevuto i voti di Telco, allora socio di riferimento, e di buona parte dei fondi.

La scelta di un esponente di punta di Vivendi per la presidenza Telecom potrebbe riacuire la discussione sul tema del controllo di Telecom Italia, sotto la lente dell’Agcom dopo la galoppata di Vivendi fino a quasi il 30% di Mediaset.

Nei giorni scorsi il collegio sindacale di Telecom ha portato alla ribalta il tema sostenendo che il consiglio di amministrazione, salvo eccezioni di scarsa rilevanza, si è sempre espresso secondo le indicazioni dei consiglieri rappresentanti del socio di riferimento. Elemento che considera sufficiente “per poter accertare la sussistenza, ai fini della disciplina delle operazioni con parti correlate, di una posizione di controllo” di Vivendi su Tim. Il cda ha invece affermato che i consiglieri si sono sempre espressi liberamente.

Secondo una fonte vicina alla questione, vista la portata dell’investimento dei francesi, avere un rappresentante Vivendi alla presidenza avrebbe senso. Una ipotesi che potrebbe rendere meno spinosa una presidenza francese è di rendere la carica di presidente non esecutiva.

Articolo 1 di 5