Vodafone bocciata da Ofcom su copertura 3G - CorCom

REGNO UNITO

Vodafone bocciata da Ofcom su copertura 3G

L’operatore non ha rispettato l’impegno di raggiungere il 90% della popolazione britannica entro giugno 2013. L’autorità concede un “extra time” fino alla fine dell’anno, poi potrebbe decidere di prendere provvedimenti

07 Nov 2013

Antonello Salerno

Vodafone è stato l’unico operatore telefonico mobile che non ha rispettato gli obblighi di copertura 3G alla data del 30 giugno, fermandosi al di sotto della soglia del 90%”. Ad affermarlo è Ofcom, autorità di vigilanza antitrust e regolatore indipendente per le industrie della comunicazione britanniche.

Le licenze erano state assegnate nel 2000 con un vincolo iniziale di diffondere il servizio per l’80% della popolazione britannica, ma il Governo aveva alzato l’obiettivo al 90% nel 2010. Al tempo, puntualizza Ofcom, Vodafone aveva accettato di raggiungere questa nuova soglia entro la fine di giugno 2013 insieme a EE, Tre e O2.

Vodafone si è adesso impegnata a pianificare di raggiungere l’obiettivo entro la fine del 2013, dispiegando sul territorio più ripetitori per il mobile di quanti non ne avesse inizialmente previsti. Ofcom ha già preso in esame questo nuovo piano di Vodafone, e lo ha considerato credibile, anche se continuerà a seguire da vicino gli sviluppi della vicenda.

Così per il momento l’autorità britannica ha deciso di non prendere nessun provvedimento coercitivo nei confronti di Vodafone, impegnandosi però a fare nuove verifiche a gennaio 2014 e riservandosi di prendere provvedimenti se al quel punto dovesse riscontrare irregolarità.

Argomenti trattati

Approfondimenti

E
ee
O
o2
O
ofcom
T
Tre
V
Vodafone