CONSOLIDAMENTO TLC

Vodafone Italia, quali impatti sulle tower company da un’eventuale uscita di scena?

Citi conferma il “buy” su Inwit e Vantage. In ballo le partecipazioni nelle società delle torri e gli accordi di network sharing che imporrebbero rimedi. Ostacoli antitrust superabili. La partita non si è chiusa con il rifiuto all’offerta di Iliad. Il riassetto sarà inevitabile anche in altri Paesi, a partire dalla Spagna

11 Feb 2022

Mila Fiordalisi

Direttore

merger, digital

Inwit e Vantage: Citi conferma il “buy” sui titoli delle due compagnie nonostante gli scossoni di mercato e le manovre verso il consolidamento delle Tlc. “Dopo una significativa correzione da inizio anno, le metriche di valutazione sulle tower company europee sono notevolmente migliorate”, si legge in un report che CorCom ha potuto visionare. L’analisi di Citi tiene conto adell’evoluzione del mercato delle Tlc e delle implicazioni del consolidamento che si va prefigurando in Europa.

Prevediamo che il consolidamento dei Mobile network operator (Mno) sarà il tema principale dell’anno, alla luce dell’impegno di Vodafone a migliorare i rendimenti ed esplorare opportunità inorganiche. I principali mercati al centro dell’attenzione ora sono Italia e Spagna, ma riteniamo che Regno Unito, Romania e forse anche Portogallo potrebbero muoversi nella direzione, anche se in quest’ultimo caso si tratta di eliminare i nuovi entranti piuttosto che di consolidare quelli affermati. La nostra opinione è che gli ostacoli antitrust possono essere superati, soprattutto in mercati come l’Italia dove attualmente ci sono effettivamente cinque attori. Non è chiaro se sia possibile affrontare altre complessità, in particolare per quanto riguarda la struttura e il prezzo”. Secondo Citi il mercato preoccupato per l’impatto del consolidamento nel settore delle torri in Europa. “Se il numero di Mno effettivi si riducesse, potrebbero verificarsi significativi venti contrari alla crescita poiché il potenziale di colocation verrebbe perso. Il 2022 potrebbe essere l’anno del picco delle TowerCo. Il consolidamento probabilmente non avrà un impatto significativo per Inwit e Vantage, ma potrebbe avere un impatto negativo su Cellnex. L’impatto in ciascun mercato è difficile da quantificare e varia a seconda dei progetti contrattuali, ma potenzialmente potrebbe essere più significativo in Italia sia in termini di dimensioni sia sulla crescita (dato che l’Italia è una fonte chiave di crescita della colocation).

I titoli che puntano al consolidamento degli Mno in tutta Europa hanno pesato sulle TowerCo europee. “Riteniamo che parte della reazione sia equa, in quanto fondamentali più solidi sul lato degli operatori con valutazioni più interessanti potrebbero offrire un’altra potenziale alternativa per gli investitori. Ma il declassamento riflette anche le preoccupazioni sulle implicazioni operative per le TowerCo, che potrebbero essere esagerate. Sottolineiamo che non è così importante chi acquista o vende asset in consolidamento ma quale delle reti unite è quella dominante e quindi “prevale” nella fusione. La TowerCo che ospita la rete dominante deve affrontare rischi inferiori. Non vediamo rischi reali per Vantage e Inwit al riguardo”.

Secondo Citi anche la resilienza degli utili potrebbe diventare più rilevante nei prossimi mesi. Anche le fusioni e acquisizioni possono svolgere un ruolo soprattutto per Cellnex e Vantage che probabilmente si impegneranno in importanti accordi. “Il consolidamento degli Mno in Europa è inevitabile e avremo molti colpi di scena. Il 10 febbraio, Iliad ha detto che perseguirà la sua strategia autonoma dopo che Vodafone ha rifiutato la sua offerta da 11,25 miliardi di euro per Vodafone Italia. Crediamo che un accordo possa essere ancora possibile nel tempo sul mercato, ma ci vorrà del tempo”.

Vodafone Italia è un obiettivo realistico? E anterrà ancora partecipazioni in Vantage e Inwit? “L’idea che possa raggiungere accordi che potrebbero distruggere il valore nelle aziende che possiede in un momento in cui sta negoziando per cristallizzare il valore di queste attività tramite partnership è molto improbabile” E sul fronte degli accordi di condivisione Ran, in Spagna, Italia e Regno Unito, Vodafone ha in essere accordi di condivisione Ran con altri operatori. “Questi accordi tendono ad avere una durata minima e altri impegni da entrambe le parti, dato l’investimento iniziale richiesto per poi coglierne i benefici. Potrebbe rivelarsi difficile e/o antieconomico annullare/porre fine a tali accordi. E potrebbero esserci alcuni rimedi richiesti per l’approvazione di qualsiasi consolidamento di Mno”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5