Vodafone punta a una capitalizzazione da 15 miliardi per Vantage Towers - CorCom

L'OPERAZIONE

Vodafone punta a una capitalizzazione da 15 miliardi per Vantage Towers

La telco lancia un’Ipo da 88,9 milioni di azioni per la tower company. Il prezzo per azione è compreso tra 22,50 e 29 euro e se l’iniziativa avrà successo, potrebbe innescare uno degli anni migliori di sempre per la Borsa di Francoforte

09 Mar 2021

Domenico Aliperto

Vodafone punta a una capitalizzazione da quasi 15 miliardi di euro per la sua controllata Vantage Towers. Sarebbe infatti questo il valore di mercato della società se l’Ipo da 88,9 milioni di azioni lanciata dal gruppo di Tlc andasse in porto secondo le previsioni. Vantage Tower, ha annunciato Vodafone, dovrebbe infatti sbarcare alla Borsa di Francoforte nella seconda decade di marzo, con un prezzo per azione compreso tra 22,50 e 29 euro, che per l’appunto comporterebbe una capitalizzazione compresa tra 11,4 e 14,7 miliardi di euro.

L’interesse degli investitori verso le società infrastrutturali

Secondo quanto riportato da Bloomberg, due fondi di investimento, Digital Colony e Rrj, hanno concordato di acquistare rispettivamente 500 milioni di euro e 450 milioni di euro di azioni nell’offerta, che durerà fino al 17 marzo. Il nuovo titolo inizierà a essere negoziato il 18 marzo. Bloomberg inoltre, citando la stessa Vodafone, precisa che i proventi della vendita andranno a ripagare i debiti della società madre. Come altri grandi carrier europei, colpiti dal continui aumento concorrenza, dall’inasprimento dei regolamenti e dalla pandemia Covid-19, anche Vodafone sta cercando di spremere valore dai propri asset infrastrutturali. La spinta a lanciare reti di quinta generazione sta del resto sostenendo la domanda di maggiore capacità delle torri, alimentando quindi un’ondata di consolidamento e ristrutturazione.

LIVE DAL 6 MAGGIO
Ritorna Telco per l’Italia: 4 appuntamenti da non perdere!
Networking
Telco

E per gli investitori in cerca di buone rendite queste attività promettono guadagni costanti poiché le società di torri in genere firmano contratti a lungo termine, legati tra l’altro all’andamento dell’inflazione, per lo spazio che affittano agli operatori di telefonia mobile. Vantage, per esempio, prevede di pagare il 60% del flusso di cassa libero ricorrente ogni anno in dividendi e intende distribuire 280 milioni di euro a luglio per quest’anno finanziario, aveva dichiarato la società il mese scorso.

Secondo i dati raccolti da Bloomberg, se l’offerta di Vantage avrà successo, metterà il mercato delle Ipo in Germania sulla buona strada per far registrare il suo anno migliore dal 2018.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5