Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'OPERAZIONE

Wind Tre cinese al 100%, la Ue pronta a dare il via libera

Bruxelles verso l’ok all’acquisizione da parte di CK Hutchison della quota di Veon nella jv italiana. Rinnovati gli impegni su Iliad. La decisione ufficiale entro il 31 agosto

23 Ago 2018

F. Me

Wind Tre cinese al 100%. L’Antitrust europeo è pronto a dare il via libera all’acquisizione da parte di CK Hutchison della quota della russa Veon (ex Vimpelcom) comprata lo scorso luglio per 2,45 miliardi di euro.

Lo riporta la Reuters che cita fonti vicine al dossier. Secondo l’agenzia l’ok è stato deciso dopo che CK Hutchison ha ribadito gli impegni nei confronti di Iliad, quarto operatore di telefonia mobile sbarcato di recente in Italia.

Veon ha venduto la sua quota in Wind Tre, con l’obiettivo di ridurre significativamente il suo debito. I proventi della vendita saranno inoltre utilizzati per “acquistare gli asset di Global Telecom Holding in Pakistan e Bangladesh”.

Wind Tre due anni fa ha venduto parte delle proprie frequenze ad Iliad per evitare che la fusione non venisse approvata dalla Commissione Europea e ha accettato di offrire ai francesi roaming per un determinato periodo (fino a 10 anni).

Con la nuova proprietà continueranno ad essere garantiti questi impegni che, come dice la fonte a Reuters, “sono uguali a quelli del 2016”.

La decisione ufficiale da parte della UE è prevista entro il 31 agosto.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
CK Hutchison
I
iliad
V
veon
W
wind tre

Articolo 1 di 5