Zero roaming da giugno 2017, nuovo ok della Ue - CorCom

DIGITAL SINGLE MARKET

Zero roaming da giugno 2017, nuovo ok della Ue

Più vicina l’abolizione delle supertariffe con l’approvazione da parte del Competition Council europeo. Ora la palla passa al Parlamento

01 Ott 2015

Il Consiglio Ue ha formalmente approvato le nuove regole per l’abolizione delle tariffe roaming per i telefoni cellulari nell’Unione europea da metà 2017. La posizione è stata adottata senza discussione in una riunione del Consiglio Ue Competitività a Lussemburgo. La nuova legge includerà anche le prime disposizioni per salvaguardare l’accesso all’open Internet in Europa.

Intanto i costi del roaming scenderanno già dal 30 aprile 2016, con il ricarico massimo che sarà di 5 centesimi al minuto per le chiamate, 2 centesimi per i messaggi e 5 centesimi a megabyte per i dati. Per le chiamate ricevute il ricarico massimo sarà la media ponderata dei tassi massimi di terminazione mobile in tutta l’Ue, che sarà presentato dalla Commissione entro la fine del 2015.

Il Parlamento europeo dovrebbe adottare il testo nella sessione plenaria di fine ottobre. Il regolamento entrerà in vigore tre giorni dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, probabilmente a novembre.

Si tratta dunque di un altro passo avanti per dire definitivamente addio al roaming. L’accordo era stato raggiunto il 30 giugno con il Parlamento europeo che regola anche la net neutrality.

Il testo stabilisce l’abolizione del roaming a partire da metà giugno 2017, con un taglio dei costi già da fine aprile 2016. E’ prevista anche una clausola di “uso equo” del roaming per prevenire eventuali abusi da parte chi utilizzasse all’estero il proprio numero per motivi diversi dal viaggiare. In questo caso verranno introdotte clausole di salvaguardia che consentiranno agli operatori di recuperare i costi. L’abolizione completa dei sovraccosti del roaming, che scatterà dal 30 giugno 2017, verrà preceduta da un primo taglio il 30 aprile 2016, quando i tetti attualmente in vigore quando si va all’ estero saranno rimpiazzati da un sovraccosto massimo di 0,05 euro al minuto per le chiamate, 0,02 per gli sms e 0,05 per megabyte per i dati.