Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TARIFFE MOBILI

Zero roaming dal 2017, cancellati i limiti di tempo e traffico

La Commissione Ue approva la nuova bozza che fa saltare i precedenti vincoli all’accesso del “Roam like at Home”. Tutelati consumatori e telco. Individuati meccanismi di salvaguardia per gli operatori contro gli abusi. Ansip e Oettinger: “Mantenute le promesse”

21 Set 2016

Patrizia Licata

La Commissione europea si è accordata sull’approccio da adottare per abolire le tariffe del roaming nell’Ue a partire dal 15 giugno del 2017: lo aveva annunciato il presidente Jean-Claude Juncker nel suo discorso sullo Stato dell’Unione e oggi i commissari hanno discusso e approvato la nuova bozza di regole che elimina i precedenti limiti all’accesso ai vantaggi del “Roam like at Home” per i consumatori ma tutelano anche le telco da eventuali abusi.

A inizio mese, infatti, la Commissione europea aveva ritirato la bozza del regolamento che riguardava le modifiche ai prezzi per il roaming, dopo le proteste dei consumatori per l’introduzione della clausola del “fair use”, ossia dell’utilizzo corretto, che rendeva l’abolizione delle tariffe aggiuntive del roaming limitata nel tempo (un totale di 90 giorni l’anno e per non più di 30 giorni consecutivi). Molti parlamentari europei e associazioni dei consumatori hanno accusato la Commissione di aver rinnegato le sue convinzioni e di aver ceduto alle pressioni delle aziende telecom.

La Commissione ha ora trovato un nuovo approccio al principio del fair use decidendo che non ci debbano essere limiti imposti ai consumatori in termini di giorni o volume di traffico quando usano i loro device mobili in un altro paese Ue. Al tempo stesso, il nuovo approccio fornisce un “solido meccanismo di salvaguardia” per gli operatori telecom contro potenziali abusi.

“Il Parlamento e il Consiglio d’Europa hanno detto sì alla nostra proposta di porre fine alle tariffe di roaming per chi viaggia in Ue. Insieme dobbiamo garantire prezzi economici per tutti gli utenti europei perché possano usufruire a pieno dei nuovi servizi mobili”, ha affermato Andrus Ansip, Vice-President per il Digital Single Market.

EVENTO
Telco per l’Italia 360 Summit: una politica industriale per le Tlc
Telco

“Sui prezzi del roaming la Commissione ha mantenuto le promesse fatte ai consumatori europei”, ha dichiarato Günther H. Oettinger, commissario alla Digital Economy and Society. “Le regole contenute nella bozza odierna ci assicurano di poter porre fine alle tariffe del roaming il 15 giugno 2017 per tutte le persone che viaggiano periodicamente in Ue, al tempo stesso garantendo agli operatori gli strumenti necessari per evitare ogni abuso di queste regole”.

Il meccanismo di protezione per le telco si basa sul principio della residenza (o possesso di “stabili legami”) che i consumatori europei hanno con altri Stati Ue (per esempio, presenza frequente o consistente nel paese dove ha sede il provider del roaming). Con la fine dei sovrapprezzi del roaming, chi viaggia all’interno dell’Ue userà la stessa Sim card emessa nel suo paese Ue di residenza o dove ha “stabili legami”, usufruendo degli stessi costi per chiamare, mandare Sms, navigare online e accedere ai dati. Hanno “stabili legami” con un paese Ue, secondo la definizione della Commmissione, coloro che per lavoro si recano stabilmente o vivono in un paese Ue, pur senza esservi nati, o gli studenti Erasmus.

La Commissione chiarisce infatti che il roaming è “per chi viaggia”. Gli operatori telecom potranno controllare come viene usata la Sim per evitare che il meccanismo “Roam like at Home” venga usato impropriamente. Per esempio, non si potrà godere di questo meccanismo con una Sim card quasi sempre inattiva ma associata a un uso esclusivo o quasi del roaming e l’utente non potrà possedere e usare molteplici Sim card che fanno roaming. In casi come questi, gli operatori potranno mandare messaggi di allerta ai loro utenti e potranno applicare piccole tariffe extra (la Commissione ha proposto un massimo di 0,04 euro al minuto per le chiamate, 0,01 euro per Sms e 0,0085 euro per MB). La Commissione considera abuso anche l’acquisto e rivendita in massa di Sim card per l’utilizzo permanente fuori dal paese in cui l’operatore le emette. In questi casi l’azienda telecom può adottare misure “proporzionate” e anche rivolgersi all’ente regolatore.

La Commissione europea adotterà la proposta definitiva sull’abolizione dei prezzi del roaming entro il 15 dicembre 2016, dopo aver sentito il Berec (Body of European Regulators in Electronic Communications), gli Stati membro e tutte le parti interessate.