Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'ACCORDO

Cybersecurity, Leonardo firma la “fabbrica intelligente” di Ansaldo

L’azienda guidata da Alessandro Profumo fornirà tecnologie al Lighthouse Plant, progetto previsto da Industria 4.0. “Resilienza digitale per le infrastrutture strategiche”

25 Set 2019

L. O.

Sarà Leonardo a garantire cybersecurity al “Lighthouse Plant” sviluppato da Ansaldo Energia, una delle prime quattro “Fabbriche Intelligenti” previste dal Piano Industria 4.0, promosse dal Cluster Fabbrica Intelligente e finanziate dal Mise. L’accordo rafforza ulteriormente la partnership tra le due aziende nell’ambito della protezione cyber delle infrastrutture strategiche.

Nel dettaglio, il contributo di Leonardo si articolerà nella system integration e fornitura di tecnologie per la messa in sicurezza degli impianti e su servizi evoluti di monitoraggio erogati dal Security Operation Centre di Leonardo a Chieti.

Il nuovo accordo rafforza la partnership fra le due aziende nell’ambito della resilienza digitale delle infrastrutture strategiche e “rappresenta – fa sapere Leonardo – una opportunità per il Paese di applicare concretamente la cyber security in un contesto operativo e funzionante di tipo Industria 4.0”.

Leonardo-Ansaldo Energia, accordi future proof

Il percorso è iniziato nel luglio 2018, data in cui è stato infatti firmato un Memorandum of Understanding tra Leonardo e Ansaldo Energia con l’obiettivo di collaborare per la creazione di una proposizione congiunta “Power Plant Cyber Security” indirizzata al mercato dei power generator.

Grazie al modello olistico di cyber risk assessment industriale elaborato nel Lighthouse di Ansaldo Energia, sarà possibile supportare i clienti nel rispondere a requisiti di cyber security sempre più stringenti, come quelli della recente direttiva europea NIS, adottando i processi, le tecnologie e i servizi di cyber security necessari per la resilienza delle infrastrutture critiche.

La “Fabbrica Intelligente” di Ansaldo Energia rappresenta uno dei primi quattro Lighthouse Plant previsti nel Piano Industria 4.0  che punta a realizzare, nel triennio 2018-2020, un piano di Ricerca & Sviluppo industriale finalizzato all’introduzione di applicazioni digitali avanzate nell’ambito dei processi produttivi. Nello specifico, il progetto di Ansaldo Energia è stato ritenuto “altamente innovativo” per la possibilità di sviluppare e applicare implementazioni in tecnologie abilitanti 4.0 sia su processi produttivi consolidati sia nell’ambito di nuovi insediamenti produttivi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5