IL PROGETTO

Women for Security, nasce la community delle “cyber-lady”

Presentata al Security Summit Streaming Edition l’associazione che punta a coinvolgere le professioniste italiane della sicurezza informatica. La fondatrice Cinzia Ercolano: “Avanti per colmare il gender gap”

11 Nov 2020

L. O.

Cybersecurity sempre più al femminile. Si fonda su tre valori – competenze, condivisione e crescita – Women for Security, community che punta a coinvolgere le professioniste italiane della sicurezza cyber eliminando il gender gap.

Costituita nel marzo di quest’anno a partire da un primo nucleo di professioniste nell’ambito di Clusit, la community si è oggi ampliata a una cinquantina di professioniste ed è stata presentata a Security Summit Streaming Edition, convegno italiano sulla cybersecurity.

La fondatrice, Cinzia Ercolano, Ceo di Astrea e oggi membro dell’Advisory Board di Women For Security, ha radunato intorno a sé le prime esperienze nei vari ambiti professionali: dalla ricerca alle tecnologie, alla divulgazione scientifica e culturale, agli aspetti legali, alla comunicazione e al marketing, senza escludere quello personale, prettamente legato alla professione come opportunità di crescita individuale.

Cybersecurity in Ue, professioniste a quota 7%

Se, da un lato, la cybersecurity è oggi un’emergenza anche a causa della carenza di competenze e figure professionali a livello globale, dall’altro appare molto grave la mancanza di rappresentanza femminile all’interno del settore: i dati rilevati da Women in Cybersecurity, iniziativa della Commissione Europea, evidenziano che le donne che operano nell’ambito cyber security a livello europeo sono solo il 7%.

WHITEPAPER
Cosa serve per risparmiare davvero sull’energia? L’IoT da solo non basta!

“Nel mio percorso professionale mi sono imbattuta in donne straordinarie, che dimostrano continuamente il valore della loro preparazione, delle competenze abbinate a pragmaticità e capacità di analisi tipicamente femminili – dice Ercolano –. Da qui l’idea di creare uno spazio di condivisione, che abbiamo attivato già prima dell’inizio della pandemia. Questi mesi, ci sono poi serviti per consolidare conoscenze e modus operandi. Soprattutto, abbiamo avuto dimostrazione della grande versatilità e capacità di resilienza delle cyberladies”.

“Abbiamo avuto modo di rilevare anche un dato incoraggiante: diversamente dal passato, molte delle giovani professioniste si approcciano alla cybersecurity già nelle loro prime esperienze lavorative: sappiamo che la strada per colmare il gender gap sarà lunga, ma questo ci fa ben sperare”, prosegue Ercolano.

Chi sono le donne di Women for Security

I profili delle partecipanti alla community delle Women For Security sono  variegati: dalle professioniste ricercatrici, ai profili tecnici, a quelli in ambito legale, della comunicazione e del marketing, a quelle di vendita.

Cristina Gaia, Regional Marketing Manager di CyberArk e Carmen Palumbo, Country Sales Manager Italy di F-Secure Corporation, compongono insieme a Cinzia Ercolano l’Advisory Board della Community.

Women For Security ha avviato per le sue socie attività continuative di formazione e di approfondimento a livello professionale. Sono inoltre previste attività di sensibilizzazione sui temi di attualità, che favoriscano un ruolo sempre più attivo della donna nella cyber società: per questo la community lavora a fianco di Clusit.

Spinta allo studio delle discipline Stem

Obiettivo, contribuire a diffondere la cultura della cybersecurity anche verso le fasce più giovani della popolazione. Per esempio, con temi relativi al cyber bullismo e con iniziative di formazione e orientamento per incoraggiare le giovani donne ad abbracciare le discipline Stem e le nuove professionalità che evolvono con l’evoluzione tecnologica e digitale.

“Il divario tra popolazione maschile e femminile nelle discipline Stem, a partire dalla formazione e ancor più in ambito occupazionale – dice Gabriele Faggioli, presidente Clusit – continua ad essere troppo elevato anche se invece in ambito compliance la presenza femminile è molto maggiore: Clusit supporta le Women for Security nella convinzione che l’apporto femminile alla sicurezza informatica – e più in generale alle professioni tecnologiche, che soffrono di un grave skill shortage – sia fondamentale”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA