Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Assistenti virtuali a bordo, la AI firmata Ibm sale sui treni FS

Servizi al cliente 24 ore al giorno in linguaggio naturale grazie alla nuova piattaforma digitale. “Ancora uno step verso la digital transformation”

18 Giu 2019

L. O.

Una piattaforma digitale per servizi più efficienti ai viaggiatori e una customer experience più funzionale. E’ il frutto della collaborazione tra Ferrovie dello Stato Italiane e Ibm. Grazie a una nuova soluzione cognitiva basata su cloud, il più grande operatore ferroviario in Italia sarà in grado di fornire ai clienti servizi di assistenza, ventiquattro ore al giorno, in modo più proficuo.

Nell’ambito del suo percorso di trasformazione digitale, iniziato da anni fa con la divisione di Ibm Services, FS Italiane, con il nuovo progetto, offrirà ai propri clienti un “compagno di viaggio” sempre disponibile a supportare le loro esigenze. La nuova soluzione di intelligenza artificiale, in grado di comunicare in linguaggio naturale, potrà fornire consigli personalizzati attraverso un assistente virtuale.

Infatti, in base alle preferenze dei viaggiatori anche in termini di esperienze di acquisto, l’assistente virtuale sarà in grado di proporre agli utenti offerte personalizzate velocizzando e semplificando la scelta e l’acquisto, e in caso di eventi imprevisti reagire fornendo una soluzione o dei suggerimenti.

Abilitata da Ibm Watson Assistant, Watson Natural Language Understanding, Watson Classifier e Watson Tone Analyzer disponibili su cloud Ibm, la nuova soluzione è realizzata per consentire ai clienti un’esperienza di viaggio digitale integrata con una pianificazione del proprio itinerario senza soluzione di continuità e con una biglietteria disponibile attraverso tutti i canali, ricevendo risposte rapide alle proprie domande.

“Cerchiamo di offrire ai nostri clienti un’esperienza di viaggio di altissimo livello – dice Gianluigi Castelli, presidente del Gruppo FS Italiane -. L’azienda ha pianificato di investire 6 miliardi di euro in tecnologia nel Piano industriale 2019-2023 per consentire una trasformazione digitale dei nostri business”, ha aggiunto. “Stiamo studiando in particolare come le soluzioni di IA all’avanguardia possano offrire esperienze di viaggio personalizzate ai nostri clienti, che sono sempre più alla ricerca di viaggi integrati, senza soluzione di continuità e con consigli di viaggio su misura”.

“Le tecnologie esponenziali oggi a nostra disposizione – dice Enrico Cereda, presidente e Ad di Ibm Italia – permettono ad aziende lungimiranti come FS Italiane di ampliare e migliorare i loro modelli di business, offrendo ai loro clienti servizi sempre più evoluti. La digital reinvention sostenuta dalle potenzialità dell’intelligenza artificiale e del cloud, offre grandi opportunità all’Italia per crescere in termini di efficienza e produttività. FS Italiane sta cogliendo queste opportunità, proseguendo il suo percorso innovativo per sé e per il Paese”.

Inoltre, la nuova piattaforma cognitiva darà agli operatori di FS Italiane una percezione aggiornata e tempestiva dei servizi offerti ai clienti, per poter reagire in tempo reale ad eventuali esigenze o suggerimenti espressi o per avere una rapida reazione attraverso strumenti di configurazione delle promozioni. La piattaforma aumenterà inoltre l’efficacia delle campagne di promozione, fornendo ai clienti una consulenza personalizzata sulle offerte disponibili.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5