L’ORDINANZA

Gara cloud, no alla sospensiva. A ottobre l’udienza sul ricorso Fastweb-Aruba

Il Tar del Lazio non concede lo “stop” contestuale alla richiesta di annullamento dell’appalto da 2,8 miliardi per la realizzazione del Polo strategico nazionale aggiudicato alla cordata Tim-Leonardo-Cdp-Sogei dopo il rilancio sull’offerta delle due aziende, risultate vincitrici nella prima tornata

09 Ago 2022

Mila Fiordalisi

Direttore

tera-data-cloud-160914125315

Nessuna sospensiva sull’appalto da 2,8 miliardi per la realizzazione del Polo strategico nazionale aggiudicato alla cordata composta da Tim, Leonardo, Cdp e Sogei che l’hanno spuntata su Fastweb e Aruba, vincitrici nella prima tornata, dopo il rilancio sull’offerta per effetto dell’esercizio del diritto di prelazione.

Chiesto l’annullamento dell’appalto

È quanto ha deciso il Tar del Lazio con un’ordinanza datata 3 agosto (SCARICA QUI IL DOCUMENTO) che ha respinto dunque la richiesta delle due aziende e rimandato la partita al 5 ottobre, data in cui è fissata l’udienza di merito sulla richiesta di annullamento della gara. Fastweb e Aruba hanno presentato ricorso contro Tim -in qualità di mandataria della cordata – citando in giudizio la Presidenza del Consiglio dei Ministri, i ministeri della Difesa e dell’Economia, il ministro per l’Innovazione tecnologica e Difesa Servizi Spa.

WHITEPAPER
Cloud: tutto quello che devi sapere (e mettere in pratica)
Cloud
Supply Chain Management

Il Tar: “Infrastruttura strategica, prevale l’interesse nazionale”

Secondo il Tribunale amministrativo “il pregiudizio lamentato dalla parte ricorrente, dichiaratamente di natura patrimoniale, e quindi privo del connotato della irrisarcibilità e, dunque, dell’irreparabilità, si profila come recessivo rispetto all’interesse pubblico nella specie perseguito, vale a dire, il preminente interesse nazionale alla sollecita realizzazione dell’opera”, si legge nell’ordinanza in cui si puntualizza che si tratta di un’infrastruttura strategica “ulteriormente connotata da un forte interesse pubblico in quanto finanziata nell’ambito del Pnrr” e che a ciò si aggiunge “l’esigenza di rispettare il cronoprogramma fissato nello stesso Pnrr, che vede nel 31 dicembre 2022 il termine ultimo per la realizzazione dell’opera”. Da qui la decisione di non concedere la sospensiva prima dell’udienza di merito, fissata al 5 ottobre.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

A
Aruba
F
Fastweb
T
tim

Approfondimenti

C
Cloud
P
polo strategico nazionale

Articolo 1 di 4