Comunicazione digitale, Inwit firma il Manifesto “non ostile” - CorCom

L'INIZIATIVA

Comunicazione digitale, Inwit firma il Manifesto “non ostile”

La tower company fra i sottoscrittori del documento promosso dall’associazione Parole O_Stili, impegnata nel rendere migliore l’interazione online: “Utenti e dipendenti siano responsabilizzati a scegliere con cura il modo in cui si esprimono”

25 Nov 2020

Veronica Balocco

Il ‘Manifesto della comunicazione non ostile’ promosso da Parole O_Stili, l’associazione impegnata nel rendere migliore la comunicazione digitale e in particolar modo sui social network, conta un nuovo aderente: Inwit, protagonista nazionale nel settore delle infrastrutture per le telecomunicazioni elettroniche. Il nuovo ingresso è stato siglato in un incontro virtuale dal direttore Relazioni esterne e comunicazione dell’azienda, Michelangelo Suigo, e dalla presidente e fondatrice dell’associazione, Rosy Russo.

Un impegno online e offline

Con l’adesione al progetto, Inwit coglie l’occasione per sottolineare “lo stile con cui si sta sul web” e per “responsabilizzare utenti e dipendenti a scegliere con cura le parole, partendo dal presupposto che in particolare i social network, pur essendo luoghi virtuali, non sono un porto franco, ma il centro in cui si incontrano persone reali”. Al contempo, Inwit conferma il suo impegno a perorare i dieci princìpi del manifesto in tutte le attività e in tutti i canali di comunicazione, non solo online, ma anche offline, e a divulgarne il contenuto all’interno e all’esterno dell’azienda, “consapevole della necessità di riportare a un uso corretto del significato delle parole per lo sviluppo di una community educante”. Inwit puntualizza infine, commentando la sottoscrizione, che “avere come obiettivo la sostenibilità in ogni ambito d’azione vuol dire occuparsi degli errori, delle distorsioni della comunicazione, combattere l’hate speech così come le fake news, accettare il contraddittorio come arricchimento, e bloccare così ogni forma di violenza verbale”.

WHITEPAPER
Formazione digitale: come concili qualità e flessibilità?
Digital Transformation
Risorse Umane/Organizzazione

I dieci “comandamenti”

Il “Manifesto della comunicazione non ostile” è una carta che elenca dieci princìpi utili a migliorare lo stile e il comportamento di chi sta in Rete. Eccoli:
Virtuale è reale
 – Dico e scrivo in rete solo cose che ho il coraggio di dire di persona.
Si è ciò che si comunica
 – Le parole che scelgo raccontano la persona che sono: mi rappresentano.
Le parole danno forma al pensiero
 – Mi prendo tutto il tempo necessario a esprimere al meglio quel che penso.
Prima di parlare bisogna ascoltare
 – Nessuno ha sempre ragione, neanche io. Ascolto con onestà e apertura.
Le parole sono un ponte 
- Scelgo le parole per comprendere, farmi capire, avvicinarmi agli altri.
Le parole hanno conseguenze 
- So che ogni mia parola può avere conseguenze, piccole o grandi.
Condividere è una responsabilità
 – Condivido testi e immagini solo dopo averli letti, valutati, compresi.
Le idee si possono discutere – Le persone si devono rispettare
. Non trasformo chi sostiene opinioni che non condivido in un nemico da annientare.
Gli insulti non sono argomenti – 
Non accetto insulti e aggressività, nemmeno a favore della mia tesi.
Anche il silenzio comunica
 – Quando la scelta migliore è tacere, taccio.
@RIPRODUZIONE RISERVATA