L'INDISCREZIONE

Coworking, si muove Softbank: scommessa miliardaria su WeWork

Il gruppo nipponico mette nel mirino gli spazi collaborativi e la community della compagnia Usa, che opera in 15 Paesi e 150 città. Pronto un investimento in due tranche fino a 4 miliardi di dollari

27 Feb 2017

Andrea Frollà

Softbank prepara un assegno da 3 miliardi per WeWork. Il colosso giapponese continua a mettere mano al portafoglio e, dopo l’acquisizione di Fortress e la creazione del maxi-fondo Vision, è pronto a fare un passo deciso nel mondo del coworking. Lo rivela Cnbc, spiegando che i vertici della compagnia hanno messo nel mirino la società nata a New York nel 2010, che offre una rete di spazi di lavoro a professionisti e piccole aziende indipendenti che condividono uffici, agevolazioni e servizi a supporto della loro attività.

Softbank sarebbe convinta a entrare nel capitale della società, che conta sedi nei luoghi strategici della Grande Mela, cioè in palazzi vicini a grandi aziende e snodi infrastrutturali e della metropolitana. Gli affitti si aggirano sui 500 dollari al mese per un mini-ufficio e degli spazi comuni. Ma la società non opera solo a New York: WeWork conta infatti luoghi di coworking in 15 Paesi e 150 città. Il valore della compagnia americana risiede non solo negli spazi fisici, ma anche e soprattutto nella community, cioè la rete di persone che frequentano le sue sedi e che sono contattabili online anche tramite app.

Softbank, che si è recentemente impegnata con il presidente Usa Donald Trump a investire 50 miliardi di dollari in 10 anni negli Usa, prevede di pagare una prima trance da 2 miliardi di dollari e una seconda tranche, variabile, che oscilla tra 1 e 2 miliardi di dollari. Ciò significa che Softbank valuta 44,10 dollari ogni azione di WeWork, il che porta a 20 miliardi di dollari in valore di capitalizzazione dell’azienda.

Follow @andreafrolla

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
coworking
F
fortress
S
softbank
V
vision