Dai Samsung S7 all'IoT di Nokia: inizio col botto per il Mobile World Congress - CorCom

Dai Samsung S7 all’IoT di Nokia: inizio col botto per il Mobile World Congress

Si apre oggi a Barcellona uno degli eventi fieristici hi-tech più atteso dell’anno. Molte le novità già presentate: non solo smartphone, ma anche device per la realtà virtuale e per l’Internet of Things

22 Feb 2016

Andrea Frollà

Non solo smartphone, ma anche, realtà virtuale, reti 5G, Internet of Things e tablet. Il Mobile World Congress di Barcellona, uno degli eventi più attesi e seguiti dagli appassionati di tecnologia e innovazione, ha aperto oggi i battenti svelando subito alcuni dei device più attesi dal mercato dell’elettronica di consumo.

Tra questi i top di gamma di casa Samsung, gli S7 e S7Edge, che però non si distanziano a livello estetico dai predecessori S6 con una linea di design pressoché intatta ma alcune novità in termini di hardware e software che, promette la casa sud-coreana, miglioreranno ulteriormente l’esperienza degli utenti: 4 GB di RAM, ritorno delle micro SD (espandibili fino a 2TB), batteria più capiente per il modello Edge (3600mAh contro 3000mAh) e fotocamera principale che passa da un sensore da 16 Megapixel a uno da 12 Megapixel, supportato da un’apertura f/1.7.

L’altra grande novità firmata Samsung è arrivata nel settore che secondo molti analisti costituirà un vero crack nel 2016, ossia la realtà virtuale. Dopo il debutto nello scorso anno di Gear Vr, il visore sviluppato in tandem con Oculus, di cui è proprietaria Facebook, sul palco di Barcellona è stata presentata oggi una videocamera a 360 gradi. Un device pensato proprio per le nuove frontiere della virtual reality e benedetto da Mark Zuckerberg, apparso durante la presentazione del device fra lo stupore dei presenti. Ma c’è anche Connect Auto, il dispositivo che porterà il wi-fi Lte a bordo della nostre macchine.

Nokia ha invece scelto la città catalana per svelare le nuove opportunità offerte dall’integrazione fra Internet of Things e reti 5G. A partire dalla guida autonoma, che dalla bassa latenza della nuova rete ultra-veloce mobile trarrà importanti benefici dal punto di vista della gestione continua di enormi flussi di dati. Ma c’è anche l’ambito industriale, con i robot aziendali che saranno sempre più intelligenti e connessi, spingendo il processo di digitalizzazione dell’industria soprattutto quella manifatturiera.

Non ha deluso le attese Huawei, da cui la stampa specializzata e gli analisti si attendevano un nuovo tablet 2-in-1 pensato principalmente per l’utenza business. Proprio ciò che rappresenta il MateBook, il notebook nato come tablet integrabile con tastiera esterna e con in dotazione un pennino. Anche Htc si è presentata in grande stile, approfittando della vetrina del Mobile World Congress per presentare Vive Consumer Edition, un sistema per la realtà virtuale sviluppato assieme a Valve comprensivo di visore e diversi accessori. Non un dispositivo pensato solo per il gaming, ma un device che si presta a diverse esperienze legate al design, all’automotive, alla sanità e all’intrattenimento.

Pure Sony stamattina ha soddisfatto la curiosità dei presenti, svelando alcuni prodotti interessanti come Xperia Ear, auricolare smart in grado di leggerci le e-mail, gli sms e fornirci informazioni real-time sul meteo e sul traffico, e Xperia Eye, una fotocamera indossabile da appendere alla maglia o al manubrio della nostra bicicletta per documentare le nostre giornate.

Il Mobile World Congress è appena iniziato. Da oggi fino a giovedì, giorno di chiusura dell’evento, Barcellona sarà la patria mondiale dell’hi-tech.