Amazon, nuovo hub a Trento. Parte la campagna assunzioni - CorCom

IL PIANO

Amazon, nuovo hub a Trento. Parte la campagna assunzioni

Il deposito di smistamento sarà operativo in autunno. 70 le figure che saranno inserite. E intanto negli Usa l’azienda annuncia un aumento di stipendio per 500mila lavoratori: sul piatto 1 miliardo di dollari

30 Apr 2021

L. O.

Sono 70 i posti di lavoro a tempo indeterminato che verranno creati da Amazon in Italia con l’apertura del nuovo deposito di smistamento a Trento. La nuova struttura, la prima nella regione, sarà operativa a partire dal prossimo autunno e servirà i clienti residenti nelle città di Trento, Bolzano e nelle aree limitrofe.

Ma l’incremento del personale è anche l’obiettivo dell’azienda negli Usa, dove – sulla spinta del Raise the Wage Act voluto dal presidente Joe Biden – Amazon prevede un aumento fra i 50 centesimi e i 3 dollari l’ora per più di 500mila lavoratori. Andiamo con ordine.

Il nuovo deposito di Trento

Nel nuove centro di 4.300 mq, l’azienda creerà oltre 20 posti di lavoro mentre è previsto che i fornitori di servizi di consegna assumano oltre 50 autisti a tempo indeterminato come autisti presso i fornitori terzi.

WHITEPAPER
Protezione dei sistemi OT: una guida per difendersi dalle minacce.
Fashion
Retail

“In un momento difficile come quello che stiamo vivendo siamo orgogliosi di poter contribuire alla creazione di oltre 70 posti di lavoro – dice Gabriele Sigismondi, responsabile di Amazon Logistics in Italia -. L’emergenza sanitaria tutt’ora in corso ha avuto un grande impatto sulla vita delle persone e crediamo che Amazon abbia fornito e continui a fornire un servizio prezioso ai clienti permettendogli di acquistare e ricevere i prodotti di cui hanno bisogno restando a casa il più possibile, continuando allo stesso tempo a salvaguardare costantemente la sicurezza dei nostri dipendenti e di quelli dei nostri fornitori”.

Già a partire da oggi sono aperte le selezioni per le posizioni manageriali, tecniche e per le funzioni di supporto. Per candidarsi è sufficiente accedere al sito dedicato. Le selezioni per gli operatori di magazzino, invece, apriranno nelle prossime settimane.

Le assunzioni previste in Italia

I dipendenti saranno assunti al quinto livello del Contratto Nazionale del Trasporto e della Logistica con un salario d’ingresso pari a 1.550 euro lordi, e una serie di benefit che includono sconti per i dipendenti su Amazon.it, un’assicurazione integrativa contro gli infortuni e il programma Career Choice, che copre fino al 95% del costo delle rette e dei libri di testo per chi desidera specializzarsi in un ambito specifico frequentando corsi professionali per quattro anni.

I corrieri, invece, saranno assunti da fornitori di servizi di consegne al livello G1 del Ccnl Trasporti e Logistica con un salario d’ingresso pari a 1.644 euro lordi al mese per i dipendenti a tempo pieno, oltre a 300 euro netti mensili come indennità giornaliera.

“In questo ultimo anno l’importanza della logistica è enormemente cresciuta: nei periodi in cui le regole della pandemia erano particolarmente limitanti è diventata addirittura fondamentale – dice il sindaco di Trento, Franco Ianeselli -. L’economia locale non può limitarsi a subire il cambiamento, che può anzi diventare un’occasione per creare nuove attività produttive e nuovi posti di lavoro (a tempo indeterminato), come quelli garantiti da Amazon con l’apertura del nuovo deposito di smistamento”.

Un deposito in logica “green”

L’edificio è stato progettato con un occhio di riguardo verso l’efficienza energetica, dando quindi molta importanza alla qualità dei materiali di rivestimento. Inoltre sul tetto verranno installati 430 metri quadri di pannelli solari, che andranno ad alimentare il centro di smistamento tramite la creazione di 65 kWp di energia elettrica. Il sistema di illuminazione farà ampio ricorso ai Led, ma verranno anche installate molte finestre e lucernari. Infine verranno realizzate aree verdi con alberi e piante locali.

Revisione dei salari negli Usa

Amazon mette mano alle politiche lavorative anche negli Usa: da oggi aumento fra i 50 centesimi e i 3 dollari l’ora per più di 500mila lavoratori. Prevista una spesa di 1 miliardo di dollari per la retribuzione incrementale.

L’incremento dei salari arriva all’indomani della spinta del presidente Usa Joe Biden sugli aumenti del salario minimo federale, bloccato a 7,25 dollari l’ora dal 2009, a 15 dollari l’ora.

Gli aumenti hanno lo scopo di incentivare l’assunzione di decine di migliaia di persone negli Stati Uniti: i posti di lavoro si aggiungeranno ai 175mila nuovi dipendenti a tempo pieno e part-time introdotti da Amazon nel 2020, più del triplo dei 50mila dipendenti assunti nello stesso periodo di un anno fa. Amazon ora conta quasi 1,3 milioni di dipendenti in tutto il mondo, con un aumento del 63% anno su anno e il secondo più grande datore di lavoro privato negli Stati Uniti, dietro il rivale al dettaglio Walmart.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3