Digital export, Ice e Alibaba riaprono le porte del Made in Italy pavilion - CorCom

L'INTESA

Digital export, Ice e Alibaba riaprono le porte del Made in Italy pavilion

A seguito dell’interesse crescente da parte delle aziende, potenziata la partnership a supporto della piattaforma B2B dedicata a imprese e prodotti nazionali che connette 26 milioni di buyer in 190 paesi. Aperte le adesioni a nuove realtà imprenditoriali

27 Apr 2021

Veronica Balocco

L’agenzia Ice e Alibaba.com, il marketplace B2B del gruppo Alibaba, rafforzano il loro impegno a favore delle Pmi italiane. Nell’ambito del loro percorso di partnership, il “Made in Italy Pavilion”, la sezione della piattaforma dedicata alle imprese e prodotti italiani, apre infatti le adesioni ad ancora più aziende interessate a crescere attraverso il canale digitale e a potenziare la propria presenza sui mercati business-to-business (B2B) internazionali.

Prevista una membership gratuita di 24 mesi

Il “Made in Italy Pavilion” di Alibaba.com, iniziativa nata da un’ampia partnership dell’agenzia Ice insieme al gruppo Alibaba a novembre 2020 e il primo in Europa lanciato insieme ad un partner governativo, è ufficialmente online dallo scorso 26 marzo. In pochi mesi, ha battuto tutte le aspettative e generato un grandissimo interesse da parte di aziende e imprenditori italiani. Infatti, a fronte dei 300 posti disponibili originariamente, sono state oltre mille le richieste inviate dalle Pmi interessate ad attivare la propria presenza su questa vetrina online del Made in Italy che connette 26 milioni di buyer in 190 paesi. Questo grande riscontro ha portato Ice ad alzare la soglia delle ammissioni, dando la possibilità a un totale di 950 aziende di aprire la propria vetrina virtuale su Alibaba.com entro il 2021, usufruendo in maniera completamente gratuita di una membership della durata di 24 mesi.
Delle aziende oggi già operative sulla piattaforma, il 46% ha sede al Nord, il 29% al Sud e Isole e il 25% al Centro.

WHITEPAPER
Le 10 regole per migliorare la gestione fornitori
Acquisti/Procurement
Retail

C’è voglia di crescere, ma mancano gli strumenti di digitalizzazione dell’export

“L’accesso ai mercati digitali da parte delle imprese, particolarmente delle Pmi, è oggi una priorità per Ice nel quadro di attuazione del Patto per l’Export – afferma Carlo Ferro, presidente Ice -. E il numero delle richieste di partecipazione, come in questo caso, ci dice che siamo sulla strada giusta. I mercati stanno ripartendo con una accelerata transizione verso il digitale e verso nuovi modelli di consumo. Su queste direttrici abbiamo costruito un ascensore digitale per le Pmi e la collaborazione con Alibaba.com ne è un esempio eccellente. Oggi annunciamo una larghissima partecipazione e anche un’importante quota di presenza delle imprese del mezzogiorno. Ottimi risultati che dimostrano l’impegno, la forza e la visione di imprenditrici e imprenditori che guardano avanti per la ripartenza del Paese”.

“Il gruppo Alibaba è presente in Italia dal 2015, e in questi anni abbiamo imparato che le Pmi italiane hanno voglia di crescere ma spesso mancano le risorse e gli strumenti per digitalizzare il processo di export – aggiunge Rodrigo Cipriani Foresio, General manager Sud Europa di Alibaba group -. Siamo grati a Ice per aver creduto in questo percorso ed essersi unita a noi per dare una risposta comune su numerosi fronti: dapprima affiancando le aziende italiane che esportano in Cina nella sezione helloIta sul nostro marketplace Tmall e di recente su Lazada, piattaforma e-commerce del guppo leader nel Sud-est asiatico. Il successo di quest’ultima iniziativa del Made in Italy Pavilion su Alibaba.com è un’ulteriore prova che abbiamo intrapreso il cammino giusto, collaborando per dare valore alle eccellenze italiane in tutti i campi, e ci fa ben sperare che la collaborazione possa arrivare a coinvolgere molte altre aziende italiane che vogliono aprirsi a nuovi mercati, esportando la qualità e l’unicità dei loro prodotti. Essere un punto di forza della crescita economica per le Pmi ci inorgoglisce ed è una spinta a fare sempre di più”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5