IL PIANO

Poste: più linee di business sul territorio per spingere l’e-commerce

Questa una delle più importanti misure messe nero su bianco nell’accordo con i sindacati sugli incrementi occupazionali per il 2019. Il piano prevede l’inserimento di 3170 nuovi lavoratori. Il 19 marzo la presentazione del bilancio 2018: a settembre scorso i ricavi da pacchi a +11%

13 Mar 2019

Mila Fiordalisi

Direttore

Un incremento delle linee business a livello territoriale per potenziare il ruolo di Poste Italiane nel mercato dell’e-commerce: è questa una delle più importanti misure dell’accordo sottoscritto l’8 marzo scorso fra Poste e le organizzazioni sindacali in merito agli incrementi occupazionali per il 2019. Il piano prevede l’inserimento di 3170 nuovi lavoratori: l’accordo fa seguito a quello, firmato a giugno 2018, sulle politiche attive del lavoro per il triennio 2018-2020 e definisce nel dettaglio gli interventi nei diversi ambiti organizzativi. “Definizione di un nuovo modello di funzionamento della rete logistica basato su ingenti investimenti in automazione e sulla introduzione della ‘Lean Production’, una modalità di organizzazione del lavoro che garantisce il miglioramento dei processi produttivi attraverso la partecipazione dei lavoratori e nuove assunzioni di risorse part time in Posta, Comunicazione e Logistica a fronte di un piano di uscite basato su esodi volontari incentivati”, sono i punti chiave messi nero su bianco.

Ricavi da pacchi a +11% grazie allo shopping online

L’azienda capitanata da Matteo Del Fante sta puntando molto sull’e-commerce e più in generale sull’adozione di nuove tecnologie – inclusa la blockchain – che possano consentire una gestione più efficiente e l’erogazione di servizi innovativi ai cittadini. L’accordo con Amazon dello scorso anno è un esempio lampante della spinta al segmento dell’e-commerce: è fissata a martedì 19 la presentazione dei dati di Bilancio 2018, ma intanto i risultati dei primi 9 mesi del 2018 hanno già evidenziato un aumento dell’11% dei ricavi da pacchi nel solo terzo trimestre 2018 e del 5% per i primi nove mesi rispetto all’anno precedente sulla spinta della forte crescita nella categoria B2C determinata dallo sviluppo dell’e-commerce.

In forte aumento i pagamenti mobile e digital

FORUM PA 6- 11 luglio
Innovazione e trasformazione digitale per la resilienza. Scopri il nuovo FORUM PA digitale
CIO
Dematerializzazione

“I ricavi dei pacchi nel terzo trimestre sono aumentati grazie alla forte crescita del segmento B2C, mentre il nostro settore operativo Pagamenti, Mobile e Digitale sta realizzando risultati visibili in un settore a rapida crescita come quello dei pagamenti digitali, grazie alla recente costituzione di un istituto di monetica e ad un’App integrata per i pagamenti digitali”, ha sottolineato Matteo Del Fante in occasione della presentazione dei dati dei 9 mesi 2018.

Significativi appunto anche gli incrementi per il settore Pagamenti, Mobile e Digitale: i ricavi sono aumentati del 13,2% nel terzo trimestre 2018 e dell’11,4% nei primi 9 mesi, grazie a un aumento del 25% dei ricavi da pagamenti con carte per il terzo trimestre del 2018 rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente.

@RIPRODUZIONE RISERVATA