Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

REGOLE & INTERNET

Facebook, è reato spiare nel profilo del partner

La Cassazione condanna un uomo entrato nell’account della moglie senza il suo consenso: “Accesso abusivo nella privacy”

15 Feb 2019

L. O.

E’ reato entrare senza autorizzazione nel profilo Facebook del partner. Lo ha decretato la Cassazione secondo cui l’atto si configura come accesso abusivo nella privacy altrui. E questo, indipendentemente dal fatto che le credenziali siano state ottenute lecitamente o meno.

La Suprema Corte – con il verdetto 2905 – ha condannato un uomo che era entrato “nel profilo Facebook della moglie grazie al nome utente ed alla password utilizzata da quest’ultima, a lui noti da prima che la loro relazione si incrinasse, aveva così potuto fotografare una chat intrattenuta con un altro uomo e poi cambiare la password, così da impedire alla moglie di accedere al social network“.

Contro la condanna – l’entità non è nota – emessa dalla Corte di Appello di Palermo nel settembre 2017, il marito imputato, nel frattempo diventato ex coniuge, ha protestato in Cassazione sostenendo che “chiunque poteva accedere” al profilo della moglie “presidiato da codici di accesso piuttosto comuni” e comunque le credenziali gli erano state comunicate dalla stessa donna “prima del lacerarsi della loro relazione”. Ma per la Cassazione “la circostanza che lui fosse a conoscenza delle chiavi di accesso della moglie al sistema informatico, quand’anche fosse stata lei a renderle note e a fornire così in passato una implicita autorizzazione all’accesso, non escluderebbe comunque il carattere abusivo degli accessi”.

Attraverso gli accessi secondo i giudici si è ottenuto un risultato “in contrasto con la volontà della persona offesa ed esorbitante rispetto a qualsiasi possibile ambito autorizzatorio del titolare dello ‘ius excludendi alios’, vale a dire la conoscenza di conversazioni riservate e finanche l’estromissione dall’account Facebook della titolare del profilo e l’impossibilità di accedervi”.

I supremi giudici hanno dichiarato inammissibile il ricorso della difesa dell’imputato e lo hanno anche condannato a pagare 2mila euro alla Cassa delle ammende e quasi 3mila per la difesa della ex moglie costituitasi parte civile.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
cassazione
F
facebook
P
privacy

Articolo 1 di 5