Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL BILANCIO

Grande balzo di Lenovo, “schivato” l’impatto della Trade War

L’azienda chiude il terzo trimestre fiscale con fatturato e profitti record. Traina il business telefonia mobile che per la prima volta torna all’utile dall’acquisizione di Motorola

21 Feb 2019

L. O.

Lenovo batte le attese e chiude il terzo trimestre fiscale con il più alto fatturato da quattro anni a questa parte. Il principale produttore mondiale di pc – doppia sede: una in Cina e una negli Usa – scongiura in questo modo l’impatto della guerra commerciale sino-americana.

I ricavi toccano quota 14 miliardi di dollari pari a una crescita anno su anno dell’8,5%. Record assoluto di utili prima delle tasse a 350 milioni di dollari, pari a una crescita anno su anno del 133%: un record assoluto per l’azienda che si riflette nella crescita di tutte le business unit.

Il traino principale è rappresentato il business di telefonia mobile, in utile per la prima volta dall’acquisizione di Motorola, con una crescita nel mercato nordamericano di 40 punti superiore alla media del mercato e il fatturato in Cina quadruplicato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

“Lenovo stia andando in controtendenza rispetto agli attuali trend del settore – commenta Yang Yuanqing, Chairman e Ceo della società -, stiamo consolidando la nostra posizione di leadership”.

“Quando siamo partiti nel nostro percorso di Intelligent Transformation – dice ancora Yang Yuanqing -, il nostro obiettivo è stato di rilanciare e accelerare il business di Lenovo, fornendo ai nostri clienti e partner le migliori tecnologie in termini di smart IoT, infrastruttura intelligente e soluzioni verticali intelligenti. Abbiamo fatto questo e molto di più: la nostra forza e la nostra posizione di azienda tecnologica con la più ampia offerta di tecnologia è fermamente affermata”.

La divisione Intelligent Devices Group ha registrato un fatturato e utili record, crescendo per il terzo trimestre consecutivo da quando è stata istituita lo scorso anno, con un +6,2% di crescita anno su anno per un fatturato di 12,4 miliardi di dollari.

Nel corso del trimestre la divisione PC and Smart Devices (PCSD) ha registrato un fatturato di 10,7 miliardi di dollari con una crescita dell’11,6% anno su anno, crescendo anche rispetto al trimestre precedente. Il fatturato nel segmento PC è cresciuto del 16% anno su anno, un risultato di 17 punti superiore alla media del mercato e un miglioramento di un punto percentuale anche negli utili prima delle tasse.

Lenovo ha mantenuto la propria posizione di leader incontrastato nelle vendite di pc con una quota di mercato record del 24,6%.

Il Mobile Business Group ha registrato un utile a livello globale per la prima volta dall’acquisizione di Motorola nell’ottobre 2014. Questo  risultato deriva dalla  implementazione della strategia di Lenovo di riduzione dei costi, di razionalizzazione del portfolio prodotti del gruppo e dal concentrarsi sui mercati più importanti. In particolare il Nordamerica ha registrato un trimestre importante per il gruppo, con una crescita in volumi del 40% più forte rispetto alla media del mercato. Inoltre, l’attenzione della divisione MBG su altri mercati sta portando significativi risultati: Lenovo mantiene la seconda posizione nel mercato dell’America Latina.

Il Data Center Group ha registrato il quinto trimestre consecutivo di crescita negli utili con una crescita del 31% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La divisione  ha registrato crescite anno su anno in tutte le aree geografiche, con un particolare una crescita a tre cifre in Nordamerica. La joint venture con NetApp, oggi operativa in Cina, rafforzerà ulteriormente il portfolio di prodotti, estendendo le opportunità di business.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

L
lenovo
T
trimestrale

Articolo 1 di 3