Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

TV DIGITALE

Il digitale fa bene all’entertainment, ecco perché

Il volume d’affari del settore tocca il massimo storico. Nel 2016 i video digitali oltre il 50% dell’intero mercato. La rubrica di Augusto Preta

19 Feb 2016

Augusto Preta, consulente strategico Ceo di ITMedia Consulting

L’impennata del comparto digitale nel Regno Unito ha spinto il mercato dell’entertainment – giochi, video e musica – a un massimo storico di £ 6,1 miliardi (€8,3 mld) nel 2015, lasciandosi alle spalle oltre un decennio di declino, secondo le cifre fornite dall’Entertainment Retailers Association (ERA), basate sui dati dell’Official Charts Company (musica, video) e GfK Chart-track (video games).

Le vendite complessive di entertainment avevano raggiunto £6,04 miliardi nel 2004, ma al picco sono poi seguiti undici anni di crisi, con il minimo di £5,2 miliardi registrato nel 2012 a seguito dell’impatto di internet, inclusa la pirateria, e della chiusura dei nomi di spicco come Woolworths, Our Price e Virgin.

L’andamento del 2015 suggerisce che i cospicui investimenti dei nuovi servizi e retailer digitali sulla rete stanno finalmente aiutando l’industria a voltare pagina.

Lo scorso anno i tre settori dell’entertainment hanno registrato una crescita rispettivamente dell’1,5% per i video, del 3,5% per la musica e un impressionante 10% per i giochi.

In ciascun settore, la crescita è stata trainata dai servizi digitali: nella musica, i servizi streaming come Spotify, Google Play Music, Apple Music, Deezer e Amazon Prime Music hanno aumentato le vendite di circa il 50% a £251m nell’arco dell’anno; nel video, le entrate del digitale da servizi quali Netflix, Amazon Prime e Sky Store hanno superato per la prima volta un miliardo di sterline, facendo sì che il video stia per diventare un’attività a prevalenza digitale; nel comparto giochi, le entrate digitali da servizi online e mobile – che sono più di quelle di musica e video messe assieme – è cresciuto del 17% a £1,9 miliardi.

Nel complesso, i servizi digitali rappresentano ormai quasi il 60% delle entrate dell’entertainment nel Regno Unito.

L’aumento di popolarità del pagamento di contenuti da piattaforme come Netflix, iTunes, Sky Store e Amazon Prime ha alimentato il 30% degli incrementi nei ricavi del digital video.

All’impulso del digitale fa da contraltare il 15% di diminuzione delle vendite di DVD e Blu-ray sceso a £1,07 miliardi e il calo del 28% nel mercato del noleggio fisico a £76,9m, mentre il mercato video in totale è aumentato dell’1,5% a £2,24 miliardi.

Il 2016 segnerà il punto di svolta del video digitale che sorpasserà per la prima volta le vendite fisiche superando il 50% del totale delle vendite video. Il DVD/Blu-ray peraltro non è ancora in via di estinzione, con oltre 320.000 acquisti al giorno: il best seller dell’anno è stato Paddington, mentre la quarta stagione di Games of Thrones è stato il programma TV più venduto.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link