IL REPORT

Internet, online il 66% della popolazione mondiale. Ma la censura affila le armi

Il Nord America leader nel tasso di penetrazione con il 93,4%, Europa al secondo posto con l’88,4%. In Asia il maggior numero di utenti (2,8 miliardi). Lo scenario fotografato da Atlas Vpn che lancia un allarme: in aumento le misure restrittive in Cina e Ucraina. Boom Vpn per aggirare i divieti

17 Mar 2022

L. O.

Schermata 2022-03-17 alle 14.15.57

La penetrazione di Internet in tutto il mondo raggiungerà il 66% entro la fine del primo trimestre del 2022, quando gli abitanti “connessi” saranno complessivamente 5 miliardi e 252 milioni. Il Nord America è leader mondiale nel tasso di penetrazione di Internet con il 93,4% mentre l’Europa è la seconda per tasso di penetrazione con l’88,4% di utenti. Ma popolazione di utenti più numerosa è in Asia con 2,8 miliardi di abitanti connessi. Emerge dai dati pubblicati da Atlas Vpn (sulla base delle stime fornite dal sito World Stats), che lancia però un allarme sulle restrizioni in atto da parte di alcuni governi: Russia e Cina campioni di censura.

Lo scenario della penetrazione Internet

Il Nord America guida il mondo nel tasso di penetrazione di Internet con il 93,4% . “Non dovrebbe sorprendere – si legge nel report – poiché gli Stati Uniti e il Canada costituiscono una parte significativa del continente americano: entrambi i paesi sono dotati di un’infrastruttura Internet ben sviluppata che consente un facile accesso. In totale, il Nord America ospita oltre 347 milioni di utenti Internet”.

WHITEPAPER
Efficienza, sostenibilità e sicurezza con la gestione e tenuta dei libri sociali digitali
Dematerializzazione
Digital Transformation

L’Europa è la seconda per tasso di penetrazione dal momento che l’ 88,4% degli europei sono utenti di Internet. Più di 743 milioni di europei sono collegati al World Wide Web. La maggior parte dei paesi europei dispone di “un’eccellente infrastruttura Internet”, si legge nel documento, che consente alle persone di navigare sul Web a velocità “abbastanza buone”.

L’America Latina e la regione dei Caraibi hanno un tasso di penetrazione di Internet dell’80,4%. Circa 533 milioni di utenti Internet vivono nell’area. Nonostante l’alto tasso percentuale, molti paesi della regione dell’America Latina hanno una copertura irregolare, unita a costi elevati di dati e dispositivi.

Infrastrutture distrutte in Siria e Yemen

I paesi del Medio Oriente forniscono Internet al 76,4% della loro popolazione. I paesi più ricchi come gli Emirati Arabi Uniti o il Qatar hanno un tasso di penetrazione di quasi il 100%. Tuttavia, paesi dilaniati dalla guerra come la Siria o lo Yemen hanno una percentuale di penetrazione di Internet ridotta a causa della distruzione della maggior parte delle infrastrutture.

Oceania e Australia hanno un tasso di penetrazione di Internet del 70,1%. Mentre l’Australia e la Nuova Zelanda ospitano quasi il 90% della loro popolazione con Internet, molte isole del Pacifico non hanno investito nell’infrastruttura Internet.

Il tasso di penetrazione di Internet in Asia è del 64,1%. Anche se la percentuale è inferiore alla media mondiale, l’Asia ha la popolazione più numerosa di quasi 2,8 miliardi di utenti Internet. Ciò costituisce circa il 53% di tutti gli utenti Internet nel mondo. Cina e India, con 1,7 miliardi di utenti da sole, sono i maggiori contributori a tale numero.

L’Africa ha il tasso di penetrazione di Internet più basso poiché solo il 43,1% della popolazione ha accesso al World Wide Web. La regione ospita circa 601 milioni di utenti Internet. Inoltre, il tasso di penetrazione di Internet in Africa dal 2000 è aumentato del 13.220%.

La censura su Internet

Nonostante il crescente tasso di penetrazione di Internet in tutto il mondo, alcuni paesi impongono restrizioni su Internet limitando le informazioni fruibili dai cittadini e spingendo in questo modo varie forme di “propaganda di stato”.

Il governo cinese, ricorda il documento, ha imposto la censura su Internet con tre regolamenti nel 1996. I fornitori di servizi Internet statali bloccano vari siti Web come Wikipedia, Google, YouTube, una censura – si legge nel testo, “che limita gravemente la libertà di espressione”.

Con l’invasione dell’Ucraina metodi simili di censura sono stati introdotti anche in Russia. Il paese sta cercando di isolare i suoi cittadini dalle informazioni esterne vietando le piattaforme di social media e i media occidentali, rendendo impossibile l’accesso senza una VPN.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

A
Atlas Vpn

Approfondimenti

P
penetrazione Internet
U
utenti world wide web

Articolo 1 di 3