LA SFIDA

Italgas, Gallo: “Il 90% delle nostre reti sarà smart e digital nel 2023”

Investimenti per 546 milioni dedicati principalmente alla trasformazione digitale degli asset e dei processi. “L’innovazione tecnologica denominatore comune dei piani di sviluppo”

27 Ott 2022

Patrizia Licata

giornalista

paolo gallo italgas

Nei primi nove mesi del 2022 Italgas ha investito 546,7 milioni di euro dando priorità alla trasformazione digitale, alla metanizzazione della Sardegna e al repurposing delle reti al fine di abilitarle alla distribuzione di gas rinnovabili. Lo comunica il gruppo nella nota con cui illustra i risultati consolidati dei primi nove mesi e del terzo trimestre 2022 approvati dal Consiglio di amministrazione di Italgas, riunitosi sotto la presidenza di Benedetta Navarra.

L’Ebitda dei primi nove mesi del 2022 ammonta a 785,4 milioni di euro (+4,9% rispetto 30 settembre 2021) e l’utile netto adjusted attribuibile al gruppo è pari a 288,6 milioni di euro (+5,5% rispetto 30 settembre 2021). I ricavi totali superano quota 1 miliardo di euro (+8,1%); il flusso di cassa da attività operativa è di 455,3 milioni.

“Con il terzo trimestre del 2022 caratterizzato dal miglioramento di tutti i risultati economici, finanziari operativi e di sostenibilità, sono 23 i trimestri consecutivi di crescita“, afferma Paolo Gallo, amministratore delegato di Italgas, “segno della solidità del gruppo e della determinazione con cui persegue i propri obiettivi nonostante la complessità dello scenario geopolitico e dei suoi riflessi sul sistema economico e sociale del Paese”.

L’Ad prosegue: “Nel 2023 il 90% delle reti Italgas saranno intelligenti, digitali e flessibili, pronte ad accogliere crescenti quantità di biometano e successivamente di idrogeno e gas sintetici. Consentiranno nuovi e più efficienti approcci per il loro esercizio e gestione: saranno controllate da remoto, in grado di segnalare l’insorgere di fenomeni potenzialmente all’origine di anomalie consentendoci di pianificare la manutenzione su base predittiva“.

L’innovazione tecnologica e la trasformazione digitale continuano a essere il denominatore comune dei nostri piani di sviluppo e di tutti i nostri processi operativi, i driver che ci hanno permesso di anticipare il cambiamento, di migliorare progressivamente la nostra azione e il livello di qualità del servizio offerto alle comunità in cui operiamo; al tempo stesso rappresentano anche il fattore abilitante che ci consente di fissare obiettivi di sostenibilità sempre più rilevanti e di contribuire al raggiungimento dei target dal REPowerEU”, afferma ancora Gallo nel commento ai risultati di gruppo.

“Nel corso di questi mesi abbiamo lavorato intensamente sull’efficienza energetica, concentrando tutte le attività del gruppo in un unico nuovo brand, Geoside, con l’obiettivo di fare di questa società un player di primo livello, e sulla Grecia. Subito dopo il perfezionamento dell’acquisizione di Depa Infrastructure S.A. abbiamo iniziato diverse attività di knowledge transfer e di integrazione allo scopo di mettere la nostra esperienza e il know how tecnologico a disposizione dell’obiettivo comune di realizzare un’infrastruttura all’avanguardia che contribuisca al raggiungimento degli obiettivi di transizione energetica fissati dal governo greco.

Rivisti al rialzo gli obiettivi di sostenibilità

I risultati di Italgas confermano la crescita degli indicatori economico-finanziari e lo sviluppo delle attività operative con il raggiungimento dei target di sostenibilità che il Piano Strategico 2022-2028, presentato il 15 giugno scorso alla comunità finanziaria, ha rivisto ulteriormente al rialzo.

La prestazione positiva fa leva principalmente sulla trasformazione digitale del gruppo, con gli importanti investimenti su asset, processi e persone, e confermano come il settore della distribuzione del gas possa fornire un contributo rilevante al processo di transizione ecologica, contenimento dei consumi, efficienza del sistema energetico del Paese.

L’acquisizione di Depa in Grecia

Nell’ambito della gara pubblica indetta dal governo greco per la privatizzazione dell’operatore di distribuzione del gas Depa Infrastructure Single Member S.A., Italgas ha perfezionato in data 1 settembre 2022, tramite la società controllata Italgas Newco S.p.A., l’operazione di acquisizione, da Hellenic Republic Asset Development Fund S.A. ed Hellenic Petroleum Holding S.A., del 100% di Depa Infrastructure S.A..

La situazione patrimoniale ed economica consolidata del gruppo Italgas al 30 di settembre 2022 riflette pertanto gli effetti del primo consolidamento, a decorrere dall’1 settembre 2022, di Depa Infrastructure Single Member S.A. e delle proprie partecipate Attiki Natural Gas Distribution Single Member Company S.A. (EDA Attikis), Public Gas Distribution Networks S.A. (DEDA) e Thessaloniki – Thessalia Gas Distribution S.A. (EDA Thess). Italgas metterà quindi la propria esperienza e il know-how tecnologico a disposizione del mercato greco per realizzare un’infrastruttura di eccellenza e con essa contribuire a cogliere gli obiettivi di phase-out da carbone e lignite fissati dal Governo, in coerenza con i target fissati dalla Ue.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5