Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA PRESENTAZIONE

La New Era di Microsoft: realtà virtuale, wearable e nuovi Lumia per battere Apple

Svelati i nuovi prodotti: dal primo notebook fino alla quarta generazione di tablet. Ma ci sono anche i nuovi Lumia 950 e 950Xl, l’ultimo modello di XboxOne e la realtà virtuale delle Hololens

07 Ott 2015

Andrea Frollà

“Dove non ci sono limiti a ciò che il tuo dispositivo può fare, non esistono limiti a ciò che tu puoi fare con essi. Fai cose fantastiche”. Nel messaggio che accompagna il promo video su Youtube dell’ultima gamma di prodotti Microsoft c’è tutta la filosofia di quella che in molti hanno già definito la New Era della compagnia di Seattle.

Finita l’euforia dell’evento di presentazione della nuova generazione di prodotti del colosso fondato da Bill Gates, avvenuta ieri nel vecchio ufficio centrale delle poste a New York, per Microsoft inizia ora la sfida vera: aspettare e vedere se effettivamente quelle annunciata ieri dall’ad Satya Nadella sarà davvero una rivoluzione per il mercato sotware e dispositivi hi-tech. Dopo l’operazione Nokia, acquisita da Microsoft a settembre 2013 e capace di svalutarsi fino a far perdere più di 7 miliardi alla compagnia nell’ultimo bilancio, serviva una risposta in grande stile ai concorrenti principali come Google, Apple e Samsung che forse è arrivata.

Il nuovo capitolo introdotto dal lancio di Windows 10, che ha già convinto circa 110 milioni di utenti di cui 8 sono utenti business, ha visto svelate ieri le sue pagine migliori. A partire dal primo notebook firmato Microsoft che in realtà notebook vero e proprio non è: il Surface Book (clicca per la scheda prodotto con costi e date), un tablet a cui può essere agganciata una tastiera di ultima generazione che trasforma il dispositivo in un pc dalle alte performance (display Pixel Screen da 13,5 pollici e un’autonomia che arriva a 12 ore). La compagnia di Seattle ha annunciato che il suo notebook è due volte più veloce del Macbook Pro, il gioiello di punta di casa Apple. C’è anche la quarta generazione dei tablet, con il Surface Pro 4 (clicca qua per specifiche tecniche, prezzo e data di inizio vendita) che promette di dire addio ai portatili, come il Surface Book, ma con uno schermo di dimensioni minori (12,3 pollici), poco più di 700 grammi di peso e la tastiera sottilissima da collegare.

WHITEPAPER
Cos’è cos’è l’imaging multiview e in quali ambiti può trovare applicazione?
Intelligenza Artificiale
Intelligenza Artificiale

Ci sono poi i due nuovi smartphone Nokia Lumia 950, 950XL (qua trovate info su prezzi e date di uscita) e 550 che girano su Windows 10 e promettono di dare battaglia agli ultimi arrivati di casa Samsung ed Apple. Non poteva mancare il nuovo modello della Xbox One, la consolle di casa Microsoft, che cercherà di interrompere la caduta delle vendite del settore e ritornare protagonista fra gli alberi di Natale fra un paio di mesi.

Ma dovendo fare le cose in grande, l’amministratore delegato Satya Nadella, salito sul palco con un abbigliamento casual molto vicino allo stile Silicon Valley, non poteva fermarsi qua e allora ecco altri due prodotti che proiettano Microsoft verso nuovi mercati. Il braccialetto smart Band 2 che ci accompagnerà dal polso durante una scalata di montagna o una corsa in bicicletta, fornendo informazioni sul proprio stato di salute, ma su cui saranno disponibili tante altre app di vario genere. Ma soprattutto le Hololens, il dispositivo oculare che permetterà la proiezione di ologrammi e che Microsoft renderà disponibili nel primo quadrimestre 2016. Una sfida senza nascondersi troppo ai Google Glass e l’ultimo dispositivo Gear VR di Samsung. Al colosso di Seattle non resta che attendere la risposta del mercato: del resto, senza vendite la New Era di Microsoft rischia di passare alla storia come uno degli annunci più disattesi nella storia dell’hi-tech.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link