L’AI nel facility management: H2H Facility Solutions lancia il suo Voicebot targato Ellysse - CorCom

SPONSORED STORY

L’AI nel facility management: H2H Facility Solutions lancia il suo Voicebot targato Ellysse

Un aiuto dall’intelligenza artificiale per ovviare alle richieste tipiche della gestione dei servizi di customer care

03 Mag 2021

Diego Lancellotti, Responsabile Sistemi di Business H2H

Nel 2020 il mercato dell’Artificial Intelligence (AI) in Italia ha raggiunto i 300 milioni di euro di cui il 10% è destinato a Chatbot / Virtual Assistant (fonte: Osservatorio Digitale) spingendo le aziende a migliorare e investire sempre di più nei propri servizi di assistenza al cliente.

“In questa ottica, un nuovo assistente digitale vocale che sappia rispondere efficacemente alle richieste degli utenti, garantendo assistenza operativa 24 ore su 24, rappresenta un plus per H2H” spiega Diego Lancellotti responsabile Sistemi di Business in H2H Facility Solutions S.p.a. “I nostri servizi di facility management sono rivolti esclusivamente a clienti privati su tutto il territorio italiano e comprendono servizi tecnico-manutentivi e di igiene ambientale fino alle ristrutturazioni di interni chiavi in mano e alle riqualificazioni impiantistiche. La scelta intrapresa, nell’ambito di una digitalizzazione dei processi, vuole rendere disponibile a Clienti e Operatori un ecosistema informativo all’avanguardia in grado di garantire trasparenza, efficienza nonché gestione e controllo delle attività in tempo reale”.

Rispettando la filosofia e vision aziendale “Human to Human” in cui H2H interpreta il Facility Management non più solo come un insieme di servizi rivolti agli edifici, ma, anche e soprattutto, un servizio integrato che garantisce un ambiente di lavoro confortevole e preserva il benessere delle persone, l’obiettivo era quello di erogare un servizio di Contact Center automatizzato e il più efficiente possibile.

“Ellysse per H2H ha progettato e realizzato un assistente virtuale vocale in grado di gestire autonomamente la maggior parte delle richieste telefoniche degli utenti, ottimizzando così le risorse interne, che in questo modo vengono impiegate solo dopo una verifica della reale disponibilità e dei dati elaborati dal BOT. Non si tratta di un semplice risponditore automatico perché funge anche da classificatore. Il Voicebot, infatti, riconosce la richiesta e riesce a capire se è afferente per esempio all’impianto elettrico o all’impianto idraulico e una volta interpretata la richiesta la indirizza all’operatore di competenza, con una vera e propria funzione di smistamento e categorizzazione delle richieste, garantendo così una veloce ed efficiente gestione di task specifici”.

“Grazie anche alla collaborazione con BCG Platinion, multinazionale statunitense di consulenza strategica, e con l’utilizzo di tecnologie semantiche realizzate da BUP Solutions, il Voicebot addestrato da Ellysse, con un training set dotato di circa 100 intenti riguardanti guasti tipici con relativi e differenti livelli di gravità, è perfettamente aderente alla nostra vision aziendale che favorisce il benessere del cliente e quindi una miglior customer experience.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5